Ascolta tutto il primo volume del 2016 bolumen osoa entzun

Le Canzoni – Abestiak

 

Dal 2010 al 2014 il progetto EUSKANTA si è svolto ogni anno in differenti scuole pubbliche romane. Nel 2015 EUSKANTA si svolge nel Centro Diurno di Lanuvio (Roma), frequentato da adulti. In entrambe le occasioni ogni partecipante ha fatto una sua canzone in euskara.
Per il biennio 2016 – 2017 (e speriamo anche a venire!) abbiamo chiesto a diverse musiciste e musicisti se volevano cantare e registrare una loro canzone in euskara. All’inizio abbiamo cercato gente che faceva rap. Ma subito ci siamo trovati anche con altri generi. Che sono ovviamente benvenuti.
EUSKANTA è un corso di apprendimento dell’euskara. Una volta registrata la canzone, quando la ascolti alcune volte, riesci a ricordarti le parole, e quindi cantando la tua (o di altri) canzone in euskara, puoi imparare vocabolario e modi di dire.

Eskerrik asko! Grazie, a tutte e a tutti coloro che hanno partecipato.

2010tik 2014 urtera EUSKANTA Roma hiriko eskola publikotan ezberdinetan burutu zen. 2015 urtean Euskanta Lanuvio (Roma) herriko Centro Diurno – zentro okupazionalean egin zen.
2016-2017 biurtekoari begira, otu zitzaigun Eroma inguruko musikari eta taldeak EUSKANTAn parte hartzera gonbidatzea. Haiek kantu bat aukeratu. Guk itzuli eta haien kantu italianoa euskaraz ber kantatzen lagundu. Hasieran rap egileekin jarri ginen harremanetan baina berehala topatu ginen ongietorriak izan diren beste hainbat estilorekin.
EUSANTA euskara ikasteko ikastaroa da. Behin kantua grabaturik dagoenean eta zenbait aldiz entzun ondoren, ezezagunak zaizkizun hitzak ere gogoratu ahal dituzu erraz. Eta beraz, zure abestia ala besteenak kantatuz eta kantu bakoitzaren hiztegitxoaren laguntzarekin, hainbat hitz eta esaldi eta esamolde ikasi ahal izango dituzu.

Parte hartu duzuen guztiei, eskerrik asko!

Batu | Unite

G. Ferrante / Radici Nel Cemento – 2016

Workers of the world. / Di Babylon system is greed / many starve while some overfeed / Many live dem life in a cage and then end up in bitter and rage / It make me live at full speed / to take a lift from reality I seed my weed / Oh no, I can’ t stand it no more! / Let’ s get up, stand up and win this ya war! / Unite and fight for your rights / Me nah waan dem fascist me nah waan nah racist! / Unite and fight for your rights / Me nah waan dem Babylon to put me down! / Unite and fight for your rights / Too much pressure man, too much pressure! / Unite and fight for your love! / It is social livin’ me a want / food clothes and shelter guaranteed to all / A good education and the end of each war / power to the people and them Babylon a fall / Di capitalist system in control but we di people united gonna make it fall / It’ s the mass like a fist against them / it’ s the social living army shootin’ bem, bem, bem… / Unite and fight for your rights / Me nah waan dem fascist me nah waan nah racist! / Unite and fight for your rights / Me nah waan dem Babylon to put me down! / Unite and fight for your rights / Too much pressure man, too much pressure! / Unite and fight for your love! / Unite and fight for your rights / Me nah waan dem Babylon to put me down! / Unite and fight for your rights / Too much pressure man, too much pressure! / Unite and fight for your love! / Siamo tutti coinvolti / perché è tutto sbagliato / Se non girano soldi / ogni sogno è schiacciato / E’ la legge del mercato che calpesta tutto quanto / E’ il veleno che ci mette tutti uno contro l’ altro / La misura del mondo è l’oro / ma noi no! Noi non siamo come loro! / Unite and fight for your rights / Me nah waan dem fascist me nah waan nah racist! / Unite and fight for your rights / Me nah waan dem Babylon to put me down! / Unite and fight for your rights / Too much pressure man, too much pressure! / Unite and fight for your love!

Munduko langileak

Diru gose Babylon sistema, ai ama,

askok gose ta gutxik gain jana,

Askoren bizitza da kaiola batean

Hala amaitzen dute, samin ta haserrean

Bizitza ziztu bizian,

belarra haztean, errealitate ihesean

Oh, ez, ezin gehio jasan!

Gerra irabazi behar,

goazen, utikan

Batu eskubideen alde borrokatu

nik faxistik nahi ez, nik razistik nahi ez

Batu eskubideen alde borrokatu

Babiloniak ez gaitzala txikitu

Batu eskubideen alde borrokatu

presio gehiegi tio, presio

Batu, hire amodion alde borrokatu

Bizitza soziala nahi dugula,

denek jan, babes ta jantzi ahala

Heziketa ona

ta gerra ororen amaiera,

jendeari boterea

eta Babilon eroriko da

Kapitalista sistema kontrolean duk

batzen bagaitun eroriko duk.

Masa hau ukabila da haientzat,

bizitza sozialaren arma tiro pum

Batu eskubideen alde borrokatu

nik faxistik nahi ez, nik razistik nahi ez

Batu eskubideen alde borrokatu

Babiloniak ez gaitzala txikitu

Batu eskubideen alde borrokatu

presio gehiegi tio, presio

Batu, hire amodion alde borrokatu

Munduko langileak

Munduko langileak

Denona da kontua, dena baita okertua

Dirurik ez bada, ametsa da zapaldua

Merkatu legeak,

zapaldu hauek ta besteak

Batzuk besteen kontra,

hala dituk pozoiak

Munduaren neurria urrea.

Gurea ez. Ez da hau gurea!

Batu eskubideen alde borrokatu

Munduko langileak

Batu, hire amodion alde borrokatu

nik faxistik nahi ez, nik razistik nahi ez

Batu eskubideen alde borrokatu

Babiloniak ez gaitzala txikitu

Batu eskubideen alde borrokatu

presio gehiegi tio, presio

Batu, hire amodion alde borrokatu

DIZIONARIO | HIZTEGIA

BATU: Unire

Munduko Langileak: lavoratori del mondo

Diru gose: avido di soldi (Diru: soldi. gose: fame)

Babylon

sistema: il sistema

ai ama: mamma mia!

askok: molti

gose: fame

ta: e

gutxik: pochi

gain jana: troppo da mangiare, ingordi

Askoren: di molti

bizitza: la vita

da: è

kaiola: gabbia

batean: in una

Hala: così

amaitzen dute: finiscono (Amaitu: finire)

samin: amaro. Indolenzito

ta: e

haserrean: arrabbiati

Bizitza: la vita

ziztu bizian: veloce, in un batter d’occhio

belarra: erba

haztean: coltivando

errealitate: (dalla) realtà

ihesean: scappando

Oh, ez: oh, no

ezin: non posso, non si può

gehio: di più

jasan: subire

Gerra: la guerra

irabazi behar: si deve vincere (Irabazi: vincere. Behar: dovere)

goazen: andiamo

utikan: via!

Batu: unitevi, unire

eskubideen: dei diritti

alde: in favore

borrokatu: lottare

nik: io

faxistik: fascisti

nahi: volere

ez: no

nik razistik nahi ez: io non voglio razzisti

Batu eskubideen alde borrokatu: uniamoci, lottiamo per i diritti

Babiloniak ez gaitzala txikitu: che babilonia non ci schiacci (Ez: no Gaitzala: questo a noi. Txikitu: schiacciare, sconfiggere)

presio: pressione

gehiegi: troppa

tio: regà, zì (modo colloquiale per dire persona o tizio)

Batu, hire amodion alde borrokatu: Uniamoci, lotta per il tuo amore

Bizitza: vita

soziala: sociale

nahi dugula: che vogliamo (Nahi dugu: vogliamo)

denek: tutti/e

jan: mangiare

babes: riparo, rifugio

ta: e

jantzi ahala: potersi vestire (Jantzi: vestiti. Ahal: poter)

Heziketa: istruzione

ona: buona

ta: e

gerra: guerra

ororen: di tutte

amaiera: la fine

jendeari: alla gente

boterea: il potere

eta: e

Babilon

eroriko da: cadrà (Erori: cadere)

Kapitalista sistema: il sistema capitalista

kontrolean duk: controlla

batzen bagaitun: se ci uniamo

eroriko duk: cadrà (Erori: cadere)

Masa: masa

hau: questa

ukabila: un pugno

da: è

haientzat: per loro

bizitza sozialaren arma tiro pum: l’arma, tiro pum* della vita sociale

(*parole di una famosissima canzone di Mikel Laboa)

Batu eskubideen alde borrokatu: uniamoci, lottiamo per i diritti

Munduko langileak: lavoratori del mondo

Denona da: di tutti è

kontua: il conto, la questione

dena baita: perche tutto è (Dena: tutto)

okertua: distorto, storto

Dirurik ez bada: se non ci son soldi (Diru: soldi. Ez ba da: se non c’è)

ametsa: il sogno

da: è

zapaldua: schiacciato, calpestato

Merkatu: mercato

legeak: le leggi

zapaldu hauek: schiacciano questi

ta besteak: e questi altri

Batzuk: alcuni

besteen kontra: contro gli altri (Beste: altro)

hala dituk: così sono

pozoiak: i veleni

Munduaren: del mondo

neurria: la misura

urrea: loro

Gurea ez: il nostro no

Ez da: non è

hau: questo

gurea: il nostro

“UNITE” – “BATU” (G.Ferrante / Radici Nel Cemento) 2016

lyrics and vocals: Giulio Ferrante

drums: Vincenzo Caristia

bass: Angelo Morrone

guitar: Giorgio Spriano

keyboards: Stefano De Santis

sax: Pierfrancesco Cacace

trumpet: Claudio Starnoni

recorded, mixed & mastered by: Bruno Avramo @ Formadonda Studio – Rome – 2016

 

Per questa notte | Gaur Gauean

Skianto (prod.FlightBeat)

Amici fissi su righe / ‘ste rime un taglio o Shuriken / Fidarsi solo dei brada (fratelli) lei brava solo a mentire / Fumo ma in mente ho solo te G13 in sala da tè Fra / Weed da mette in te_ca / Weed da mette in te_ca / Mi affaccio e vedo Plutone / Discorsi ma alla Platone / Fumiamo i danni con calma che abbiamo i grammi da grower / L’amore che cos’è, è? / Spiegamelo e mi calmo / Non sa com’è che mi chiamo ma vuole già farlo in auto / L’incenso in camera lei che viene giù in lingerie / La calma che s’incamera / Siamo sulla stessa strada ma la strada è mia / e i disagi che non passano, le notti che non passano / serve protezione in mezzo a queste strade / anche d’estate sulle stesse strade, sulle stesse strade / Per questa notte stai con me / per questa notte stai con me / Per questa notte stai con me / Hai detto stai come? “Un po bene un po male, grazie!” / Torta di mele e latte, abbiamo giocato carte e canne per colazione / Sai che passerà ‘sta notte, Forse no, Quindi passala, ne abbiamo ancora un po’ / come può, una come te starmi vicino un tot / una come te starmi vicino un tot / Ma se siamo diversi un po siamo uguali, che per strada inventiamo segni stradali / conta gli anelli che abbiamo sopra alle mani / In fondo amiamoci pure senza legami / In fondo amiamoci pure senza legami / Siamo sulla stessa strada ma la strada è mia e i disagi che non passano, le notti che non passano / serve protezione in mezzo a queste strade / anche d’estate sulle stesse strade, sulle stesse strade / per questa notte stai con me per questa notte stai con me

Lagun estuak testuak entzuten

errima ederra ala Shuriken bradak besterik ez fio

neskak zer dio? Gezurrak tio.

Erre bai baina zu zaitut nik buruan

G13 (G hamairu) Tè sala barruan

belarra betrinan huan

Begira, hauxe omen da Pluton

Berbetan zein gaz gu, Platon?

Arazoak erre lasai erre

gramo, baratze, landare.

Zer da amodioa, eh?

Esan, lasaituko naiz ba

Ez daki nire izena ta

autoan egin nahi du, ya.

intzensua piztuta gelan,

hara non agertzen dan,

linzeria intimoan

Kalma gela barruan

Kale berberan gara

baina kalea nirea da

ezinegonak ezin pasa,

gauak ezin ezin pasa

babesa behar da kaleotan

baita udaran,

kale berdinetan,

kale berdinetan

Gaur gauean zu nirekin

Gaur gauean zu

Nirekin gelditu

Nirekin geldi zu?

Esan duzu?

earki baina erdipurdi, aizu!

Sagar pastela ta esnea

gosaltzeko porruak eta

karteta jolastea

pasako al da gaur gaua

Agian ez

Pasa beste hoi, ez da amua

bada geio kalamua

beldurrik ez

Nola leikea, ai enea,

zu bezalako emea,

nikin egon

nahi izatea?

Desberdinak bagara

berdintsuak ere

kaletan asmatzen deu

bide ta seinale

konta itzagun

eskuko eraztunak hobe

bestea lotu gabe,

maita gaitezen ba, eh!

Kale berberan gara

baina kalea nirea da

ezinegonak ezin pasa,

gauak ezin ezin pasa

babesa behar da kaleotan

baita udaran,

kale berdinetan,

kale berdinetan

Gaur gauean zu nirekin

Gaur gauean zu nirekin gelditu

Kale berberan gara

baina kalea nirea da

ezinegonak ezin pasagauak ezin ezin pasa

babesa behar da kaleotan baita udaran

kale berdinetan

Gaur gauean zu nirekin

Gaur gauean zu

Nirekin gelditu

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Lagun: amico, amici

estuak: stretti

testuak: i testi

entzuten: ascoltando

errima: rima

ederra: bello, bella

ala: o, oppure

Shuriken

bradak: “brothers” (brada: fratè’)

besterik ez: soltanto (Beste: altro Ez: no)

fio: fidarsi

neskak: la ragazza

zer dio?: che dice?

Gezurrak: bugie

tio: regà, zì (forma colloquiale)

Erre: fumare

bai: si

baina: ma

zu: tu

zaitut: ti ho

nik: io

buruan: in testa (Burua: la testa)

G13 (G hamairu): 13

Tè:

sala: sala

barruan: dentro

belarra: erba

betrinan: in vetrina

huan: stava (forma colloquiale)

Begira: guarda

hauxe: questo

omen da: pare che sia (Omen: sembra che. Da: è)

Pluton

Berbetan: parlando

zein: chi

gaz: siamo (detto in forma dialettale di Bizkaia)

gu: noi

Platon: Platone

Arazoak: i problemi

erre: fumare, fuma

lasai erre: fuma tranquillo (Lasai: tranquillo)

gramo: grammo

baratze: orto

landare: pianta

Zer: che

da: è

amodioa: l’amore

eh?

Esan: di, dire

lasaituko naiz ba: mi calmerò, si (Lasaitu: calmare)

Ez daki: non sa

nire: mio

izena: nome

ta (eta): e

autoan: nell’auto, nella macchina

egin nahi du: vuole farlo (Egin: fare. Nahi: volere)

ya: già, mo, subito

intzensua: l’incenso

piztuta: acceso (Piztu: accendere)

Gelan: nella camera (Gela: camera)

hara: ecco!

non: dove

agertzen dan: si fa vedere (Agertu: comparire)

linzeria intimoan: in lingerie intime

Kalma: calma

gela: la stanza

barruan: dentro a

Kale berberan gara: siamo sulla stessa strada (Kale: strada. Berberan: sulla stessa. Gara: siamo)

baina: ma

kalea: la strada

nirea: mia

da: è

ezinegonak: i disagi

ezin: non poter

pasa: passare

gauak: notti

ezin ezin pasa: che non possono passare

babesa: protezione

behar da: ci vuole (Behar: bisogno. Da: è, c’è)

kaleotan: in queste strade (Kale: strada)

baita: anche

udaran: d’estate

kale: strada/e

berdinetan: nelle stesse (Berdin: uguale)

Gaur: oggi

gauean: nella notte

zu: tu

nirekin: con me

Gaur gauean zu: oggi stanotte tu

Nirekin gelditu: con me rimani

Nirekin: con me

geldi: rimanere, fermarsi

zu: tu

Esan duzu: hai detto (Esan: dire. Duzu: tu hai.)

earki: bene

baina: ma

erdipurdi: così così

aizu: senti

Sagar: mela

pastela: torta

ta (eta): e

esnea: latte

gosaltzeko: per colazione

porruak: le canne

eta: e

karteta: a carte

jolastea: giocare

pasako al da: passerà?

gaur: oggi

gaua: la notte

Agian: forse

ez: no

Pasa: passa

beste hoi: quell’altro (Beste: altro. Hoi (hori): quello)

ez da: non è

amua: un amo (di pesca)

bada: c’è

gehio: di più

kalamua: canapa

beldurrik ez: niente paura, non ti preoccupare (Beldur: paura. Ez: no)

Nola leikea: come è possibile

ai enea: per bacco!

zu bezalako emea: una donna come te (Zu: tu. Bezalako: come Emea: femmina)

nikin: con me

egon nahi izatea: che voglia stare (Egon: stare. Nahi: volere.)

Desberdinak bagara: se siamo diversi (Desberdinak: diversi. Bagara: se siamo.)

berdintsuak: simili

ere: anche

kaletan: nelle strade

asmatzen deu: inventiamo

bide: strada

ta: e

seinale: segnali

konta itzagun: contiamo

eskuko: della mano (Esku: mano)

eraztunak: anelli

hobe: meglio

bestea: l’altro

lotu gabe: senza legarlo (Lotu: legare. Gabe: senza.)

maita gaitezen ba, eh!: amiamoci allora, eh! (Maita, Maite: amare Gaitezen: [imperativo prima persona plurale])

Kale berberan gara: siamo nella stessa strada

baina kalea nirea da: ma la strada è mia

ezinegonak ezin pasa: i disagi che non passano

gauak ezin ezin pasa: le notti che non passano

babesa behar da kaleotan: ci vuole protezione in queste strade

baita udaran: anche d’estate

kale berdinetan: nelle stesse strade

Exit | Exit

Kyle Cl_Imax

Ho incatenato il corpo, mago Houdini / da quando mi hai lasciato le tue labbra su quel drink / mentre col cuore gioco d’azzardo su ‘ste quartine / slot machine ma che bastardo / Da ‘ste panchine sogno di averti in un attico a tel aviv / a incidere caratteri sui nostri diversi caratteri / Noi due alle due cercare un lieto fine e trovare croce e corona di spine / Insieme ancora grazie alle ansie le abbiamo al dito come un Cartier / Le paranoie con me fottono la mia testa gratis corvè / Ma chi amo sei te / Da quando sai che La nostra vita è versare lacrime su ogni ferita / Fottuta età Dirti ti amo Senza sapere neanche chi siamo questa realtà / Via da qui / Via di qui exit / Senza senso senza di te / Senza senso essenza di me / A fingere per non mentire / Nel silenzio per farci sentire / Senza senso senza di te / Senza senso essenza di me / Exit

Gorputza katetu dut, Hodini magoa

Zuk ezpainak kopa hartan uztearen geroa

Bihotzarekin bertso hauekin

apustu egin, slot machine, kabroia

aulki hauetatik amesten zaitut

tel aviveko terrazan

gure karakter desberdin, markak eragin

Gu biok ordubitan amaiera ederra bilatuz,

eta gurutze eta arantza koroa aurkituz

Elkarrekin oraindik, ansiari esker

behatzetan bagenu Cartier

Burua aurkituz, burua aurkituz

Paranoiek burua izorratzen, doanik corvè

zu zara ordea nire maitea

Gure bizitza da malkoak

gure bizitza da malkoak

zauri guzitan ixurtzea, badakizu

Adin zitala. Maite zaitut esan.

Jakin gabe errealitatea zer dan

tel aviveko terrazan

Alde hemendik

Alde hemendik exit

zentzu gabe zu gabe

zentzu gabe nire zutabe

gezurrik ezin, itxura egin

ixilean elkar sentitzeko

zentzu gabe zu gabe

zentzu gabe nire zutabe

Kyle Cl_Imax in Exit

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Gorputza: il corpo

katetu dut: ho incatenato (Kate: catena. Dut: ho)

Hodini

magoa: mago

Zuk: tu

ezpainak: labbra

kopa: drink, bicchiere di drink

hartan: in quella

uztearen geroa: la conseguenza di lasciare (Utzi: lasciare. Geroa: il dopo)

Bihotzarekin: con il cuore

bertso: versi, poesie

hauekin: con questi

apustu egin: scommettere

slot machine

kabroia: bastardo

aulki: sedia, panchina

hauetatik: da queste

amesten zaitut: ti sogno (Amets: sogno. Amestu: sognare)

tel aviveko: di Tel Aviv

terrazan: in un terrazzo

gure: nostro/i

karakter: carattere

desberdin: diversi

markak: incisioni, marche

eragin: causare, fare

Gu: noi

biok: tutti e due

ordubitan: alle due (Ordu: ora. Bi: 2)

amaiera: fine

ederra: lieto, bello

bilatuz: cercando

eta: e

gurutze: croce

eta: e

arantza: spine

koroa: corona

aurkituz: trovando

Elkarrekin: insieme

oraindik: ancora

ansiari esker: grazie all’ansia (Esker: grazie)

behatzetan: nelle dita

bagenu: come se avessimo

Cartier

Burua: la testa

aurkituz: trovando

Paranoiek: le paranoie

burua: la testa

izorratzen: fottendo

doanik: gratis

corvè: corvè

zu: tu

zara: sei

ordea: invece

nire: il mio

maitea: amore

Gure: la nostra

bizitza: vita

da: è

malkoak: le lacrime

zauri: ferite

guzitan: in tutte

ixurtzea: versare

badakizu: lo sai

Adin: età

zitala: fottuta, terribile

Maite zaitut: ti amo

esan: dire

Jakin gabe: senza sapere.(Jakin: sapere. Gabe: senza)

errealitatea: la realtà

zer: che cosa

den: sia

tel aviveko: di Tel Aviv

terrazan: in un terrazzo

Alde hemendik: via da qui (Alde: via!, partire. Hemendik: da qui)

exit

zentzu: senso

gabe: senza

zu: tu

gabe: senza

zentzu gabe: senza senso

nire zutabe: la mia essenza (Nire: mia. Zutabe: colonna, essenza)

gezurrik ezin: non poter mentire (Gezur: bugia. Ezin: non poter)

itxura egin: fingere (Itxura: immagine. Egin: fare)

ixilean: nel silenzio

elkar: insieme

sentitzeko: per sentire o sentirci

“Il tempo si divide nei momenti in cui viviamo e nei momenti in cui aspettiamo, ma perché aspettare? Ogni giorno ci mettiamo al sicuro da noi con il timore di mostrare chi siamo.

Questo pezzo invece è la dimostrazione che ascolto la musica per ascoltare me stesso, creando un’espressione artistica più grande del mio stesso nome.”

T. P.

L’Infinito | Mugagabea

Oid

This ain’t no round trip / We ain’t coming back / What you gonna do? / What we gonna do? / Don’t wait till your dead / What you gonna do? / Go back and stand up now / Party time euskaldun / Can I play with you? / What you gonna do? / Sopra ogni riga / Ci sono le stelle / Oltre l’impassivo / Solo immensità / What you gonna do? / Esco dal vortice

Ez zeok joan etorririk

Ez, ez gaituk bueltauko

Hik zer egingo?

Guk zer egingo

Ez itxoin hilik izan arte

Hik zer egingo?

Bueltau hadi ta egin aurre

Orain Euskal eromeria

Orain Euskal eromeria

Jolastu ahal dut hirekin?

Hik zer egingo?

Marra guztien gainetik

Izarrak dira

Sorgorretik hareago

Mugagabea

Hik zer egingo?

Zurrunbilotik banoa

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Ez zeok: non c’è (Ez: no, non Zeok: c’è – in forma dialettale di Gipuzkoa)

joan etorririk: andata e ritorno (Joan: andare Etorri: venire)

Ez: no

ez gaituk bueltauko: non torneremo (Ez gaituk: noi non. Bueltau: tornare. Bueltauko: futuro di tornare)

Hik zer egingo: tu cosa farai (Hik: tu Zer: che, che cosa. Egin: fare)

Guk: noi

zer egingo: che cosa faremo

Ez itxoin: non aspettare (Ez: no. Itxoin: aspettare)

hilik izan arte: fino alla morte (Hilik: morto Hil: morire Izan: essere Arte: fino a)

Hik: tu

zer egingo: cosa farai

Bueltau hadi: torna! (Bueltau: tornare. Hadi: [forma imperativa])

ta (eta): e

egin aurre: fai fronte (Egin: fare. Aurre: fronte, davanti)

Orain: adesso

Euskal eromeria: festa basca (Euskal: basca Eromeria: festa popolare)

Jolastu: giocare

ahal dut: posso (Ahal: potere. Dut: io ho)

hirekin: con te (Hi: tu. Hirekin: con te)

Hik: tu

zer egingo: cosa farai

Marra guztien gainetik: sopra ogni riga (Marra: riga

Guztien: di tutti, di ogni. Guzti: tutto Gainetik: al di sopra. Gain: sopra)

Izarrak dira: sono stelle (Izar: stella Izarrak: stelle. Dira: sono)

Sorgorretik hareago: oltre l’impassibile (Sorgor: impassibile, immobile Hareago: più in la)

Mugagabea: l’infinito, senza limiti

Hik zer egingo?: tu cosa farai?

zurrunbilotik banoa: me ne vado dal vortice (Zurrunbilo: vortice Banoa: me ne vado)

Bolle d’Aria | Burbuilak

gabriele d’arcangelo

è scritto sulle tele / non si tratta ne di vele ne di alberi di mele / della poesia v’è l’aspetto / non rispetto della forma, detto fatto, il patafisico concetto / qui ci scrivo un breve brano, carino / non saprei se musica per l’imo / o per gli dei / l’acqua bolle, sabbia molle / un miraggio, è il linguaggio / ei pone leggi come un dio / ei solo, s’alzò a tal volo… all’ora del “Tè” / pioggia che non bagna / rane all’acqua stagna / baci tondi dai due mondi… mi confondi / cielo in basso, terra in alto / cantate all’aria / voci aperte e varia / in do / mi fa sol / la rima verso ’l cor / esplorare / ascoltare / onde sonore / musica per l’orecchie / con le smorfie parecchie / di chi sente… sin saber / è un sentir, senza partir / soffio di vento _ divento soffio

ohialetan idatziak

ez dira belak ez sagastiak

poesiaren itxura du

formari inongo errespetu,

esan eta egin,

patafisika kontzeptu

idazten dut hemen kantu laburra,

jatorra, ez dakit norentzat,

mamiarentzat ala jainkoentzat

ura ireki, harea biguna

lilura, lengoaia

berorren legea, jaun goikoa balitz

hura bakarrik, hegan, Te orduan

bustitzen ez duen euri

igelak ur geldoan ari

bi munduko muxu burbuilak… nahasten nauzu

behean zeru lurrean buru

haizeari kantatuak

ahots ireki eta ugariak

sol do mi fa

bihotzerat errimak

soinu ondak aditu

belarritarako musika

sin saber … entzuten duenarentzat

hainbat keinu

Alde egin gabe sentitu

haizeak ni poztu _ nik haizea puztu

DIZIONARIO | HIZTEGIA

ohialetan: sulle tele (Ohial: tela)

idatziak: scritte (Idatzi: scrivere)

ez: no, non

dira: sono

belak: vele

ez: no, neanche

sagastiak: meleti

poesiaren: della poesia

itxura: sembianza, aspetto

du: ha

formari: alla forma

inongo: di nessun tipo

errespetu: rispetto

esan: dire

eta: e

egin: fare

patafisika kontzeptu: concetto patafisico

idazten dut: scrivo (Idatzi: scrivere)

hemen: qui

kantu: canto, canzone

laburra: breve

jatorra: sincero, in gamba

ez: non

dakit: so

norentzat: per chi

mamiarentzat: per il profondo, per l’essenza

ala: o, oppure

jainkosentzat: per le dee (Jainkosa: dea)

ura: l’acqua

ireki (irakin): bollire

harea: la sabbia

biguna: morbido, molle

lilura: miraggio

lengoaia: linguaggio

berorren legea: la Sua legge (Beror: forma antica di dare del Lei. Lege: legge)

jaungoikoa: dio

balitz: come se fosse

hura: ei. Lui

bakarrik: solo

hegan: al volo, volando

Te:

orduan: nell’ora (Ordu: ora)

bustitzen ez duen euri: pioggia che non bagna (Busti: bagnare. Euri: pioggia)

igelak: le rane

ur geldoan ari: stanno nell’acqua stagna (Ur: acqua. Geldo: ferma, stagna)

bi munduko: di due mondi (Bi: 2. Munduko: di mondi)

muxu burbuilak: baci di bolle (Muxu: baccio. Burbuilak: bolle)

nahasten nauzu: mi confondi (Nahastu: confondere, mescolare. Nauzu: tu a me)

behean: giù

zeru: il cielo

lurrean: nella terra (Lur: terra)

buru: la testa

haizeari: al vento (Haize: vento)

kantatuak: cantati/e

ahots: voce/i

ireki: aperte

eta: e

ugariak: varie, tante

sol do mi fa: G C E F (note musicali)

bihotzerat: verso il cuore (Bihotz: cuore)

errimak: le rime

soinu: suono

ondak: onde

aditu: ascoltare, sentire

belarritarako: per le orecchie (Belarri: orecchio)

musika: musica

sin saber: (in spagnolo) senza sapere

entzuten duenarentzat: per chi sente (Entzun: sentire, udire. Duenarentzat: per chi)

hainbat: tanti

keinu: segni

Alde egin gabe sentitu: senza partire, sentire (Alde egin: partire, andarsene. Gabe: senza)

haizeak ni poztu: il vento mi rende felice

nik haizea puztu: io soffio il vento

(Haizea: il vento. Ni: io. Poztu: rallegrare, rendere felice. Nik: io. Haizea: il vento. Puztu: soffiare)

“burbuilak”

dedicata a fred [il cane che sembrava stanco invece aveva solo bongusto]

autori: vari

testo e voce: gabriele d’arcangelo

musiche: jesus josè mari

 

immagini di copertina : fred [il cane che sembrava stanco invece aveva solo bongusto]

diapositiva [fresca, appena proiettata]

 

Opportuno due nessuno | Egoki bi inor ez

Little Pony

non ho parole quando le parole / sono troppe / troppo dense / per ribattere intenzioni / e per / lasciarne / sopra fiori di carote / che non parlano / e non ballano / la logica più rigida / non è lasciapassare / a rimettere dall’opportunità / l’opportunismo che non finge / e che non duole / quando sempre a ribadire la distanza / non / è uno nella somma / la distanza non è zero / ne approfitta e vi ritorna come / ragno / che svuotata una carcassa / solo lasciano che cada / non / voltandosi ma / ma / solo stando attenti che / lì lì / nessuno veda / e tutto in un istante / perpendicolare a questa mia esistenza

ez dut hitzik

hitzak gehiegi direnean

mamitsuegiak

intentzioak tematzeko

eta mintzatzen ez diren

dantzatzen ez duten

azanahoria lore gainetan

alboratzeko

logika zorrotzena

ez da salbokonduktoa

antzesten ez duen, mintzen ez den

oportunitate izatetik oportunista garatzea

distantzia beti bermatzean

batuketan bata ez dagoenean

distantzia ez da zero

aprobetxatzen zaio eta armiarma balitz bueltatzen da

eskeletoa hustuz

karkasa erortzen uzten du soilik

atzera begiratu gabe bai

baina

ia ia

inork ikusi ez dezan

erne

eta guztia instant batean

nire esistentziarekiko elkarzut / nire esistentziarekiko perpendikular

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Egoki: opportuno

Bi: 2

Inor: nessuno (Inor: qualcuno. Ez: no)

ez dut: non ho

hitzik: parole (Hitz: parola)

hitzak: parole

gehiegi: troppi

direnean: quando sono

mamitsuegiak: troppo dense (Mamitsu: denso, pieno di significato)

intentzioak: intenzioni

tematzeko: per ribattere (Tematu: ostinarsi)

eta: e

mintzatzen ez diren: che non parlano (Mintzatu: parlare)

dantzatzen ez duten: che non ballano (Dantzatu: ballare)

azanahoria: carote

lore: fiore

gainetan: sopra

alboratzeko: per lasciare (Alboratu: lasciar da parte)

logika: logica

zorrotzena: la più rigida (Zorrotz: rigido)

ez da: non è

salbokonduktoa: lasciapassare

antzesten ez duen: che non finge

mintzen ez den: che non duole (Min: dolore)

oportunitate: opportunità

izatetik: da essere

oportunista garatzea: a diventare opportunista

distanzia: distanza

beti: sempre

bermatzean: al garantire (Bermatu: garantire)

batuketan: nella somma

bata ez dagoenean: quando non c’è l’uno

distanzia: la distanza

ez da: non è

zero: zero

aprobetxatzen zaio: ne approfitta

eta: e

armiarma: ragno

balitz: come fosse

bueltatzen da: ritorna

eskeletoa: lo scheletro

hustuz: svuotando (Huts: vuoto)

karkasa: carcassa

erortzen uzten du: lascia cadere (Erori: cadere Utzi: lasciare)

soilik: solo

atzera begiratu gabe: senza guardare indietro (Atzera: indietro. Begiratu: guardare. Gabe: senza)

bai: si

baina: ma

ia ia: quasi quasi, lì lì

inork ikusi ez dezan: in modo che nessuno veda (Inork: qualcuno. Inork ez: nessuno. Ikusi: vedere)

erne: attento/i

eta: e

guztia: tutto

instant: istante

batean: in uno (Bat: 1)

nire: mia

esistentziarekiko: rispetto all’esistenza

elkarzut: perpendicolare

perpendikular: perpendicolare

Rivoluzionaria | Iraultzailea

La Kontramina

Con Renato nel cuore / Aria Rivoluzonaria / Con Rabbia e Amore / Renoize Project / Vibrazione libera / Contro ogni fascismo / Kontramina per Euskanta / Musica libera che rompe le file / quando lo stile ti ricarica le pile / e non esiste il fascio e la sua lama vile / Renato vive nella vibrazione ostile. / Musica libera che rompe le file / quando lo stile ti ricarica le pile / e non esiste il manganello né il fucile / Renato vive nella vibrazione ostile. / Perché l’anima del Mondo è rivoluzionaria / non si può fermare vola libera nell’aria / ogni forma di regime e di dominazione / porta dentro i semi della propria distruzione / L’anima del Mondo è rivoluzionaria / non si può fermare vola libera nell’aria / e il denaro è un dio che non vale niente / al cospetto della santa rabbia della gente. / Rivoluzionaria / rivoluzionaria / rivoluzionaria aria aria. / E non si vede ma si sente / quando entra negli occhi e nella mente / E non si vede ma si sente / quando esce fuori no non la ferma niente / E non si vede ma si sente / nelle mani e nella stanza e nella danza / E non si vede ma si sente / l’aria rivoluzionaria no non è mai abbastanza. / Tu danza questa danza / no non aspettare / danza questa danza / non restare a guardare / danza questa danza / è l’ora di lottare / danza questa danza / incomincia a respirare….aria / Rivoluzionaria…

Renato bihotzean

Aire iraultzailea

Haserre eta maite

Renoize Project

Bibrazio askea

Orain ta beti erresistentzia

Faxismo guzien kontra

Kontramina Euskanta!

Musika librea filak hausten dituenean

estiloak pilak kargatzen dizkizunean

faxismoaren ganibeta zitalik ezean

bizirik da Renato bibrazio etsaiean

Musika librea filak hausten dituenean

estiloak pilak kargatzen dizkizunean

ta ez fusilik ta ez porra dagoenean

bizirik da Renato bibrazio etsaiean

Munduaren arima bait da iraultzailea

airean hegan egin, inoiz gelditu gabea

Erregimen eta dominazio forma guzitan

barruko txikizioa daramate haien hazitan

Munduaren arima bait da iraultzailea

airean hegan egin, inoiz gelditu gabea

Deus balio ez duen jainkoa da dirua

baldin badago jendearen haserre santua

Aire iraultzailea

Aire iraultzailea

Aire Iraultzailea ea ea

Ezin ikusi sentitu bai ordea

begitan eta buruan sartzean

Ezin ikusi sentitu bai ordea

geldiezina da ez bada ez ez ez ez gordea

Ezin ikusi sentitu bai ordea

eskutan eta gelan, baita ere dantzan

Ezin ikusi sentitu bai ordea

ez da inoiz nahikoa aire iraultzailea

Dantzatu dantza hau ez

ez zazu itxaron

dantzatu dantza hau

ez geratu begira

Dantzatu dantza hau

borroka garaia da

dantzatu dantza hau

harnasten hasi, airea

Aire iraultzailea…

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Renato bihotzean: Con Renato nel cuore

Aire iraultzailea: Aria Rivoluzonaria

Haserre eta maite: Con Rabbia e Amore

Renoize Project: Renoize Project

Bibrazio askea: Vibrazione libera

Orain ta beti erresistentzia: ora e sempre resistenza

Faxismo guzien kontra: Contro ogni fascismo

Kontramina Euskanta!

Musika: musica

librea: libera

filak hausten dituenean: quando rompe le file (Filak: le file Hautsi: rompere )

estiloak: lo stile

pilak: le pile

kargatzen dizkizunean: quando te li carica

faxismoaren ganibeta zitalik ezean: senza la lama vile del fascismo (Ganibeta: lama, coltello . Zital: vile. Ezean: nell’assenza)

bizirik da: vive, è vivo

Renato: Renato

bibrazio etsaiean: nella vibrazione ostile (Etsai: nemico, ostile)

Musika librea: musica libera

filak hausten dituenean: quando rompe le file

estiloak pilak kargatzen dizkizunean: quando lo stile ti ricarica le pile

ta: e

ez: no

fusilik: fusili

ta: e

ez: no

porra: manganelli

dagoenean: quando c’è (Ez dagoenean: quando non c’è)

bizirik da Renato bibrazio etsaiean: Renato è vivo nella vibrazione ostile

Munduaren: del mondo

arima: l’anima

bait da: perché è

iraultzailea: rivoluzionaria

airean: nell’aria

hegan egin: volare, vola

inoiz gelditu gabea: non si ferma mai (Inoiz: mai. Gelditu:fermare, fermarsi. Gabea: senza)

Erregimen: regime

eta: e

dominazio: di dominazione

forma: forma

guzitan: in tutte

barruko: di dentro, interno

txikizioa: distruzione

daramate: portano

haien hazitan: nei loro semi (Haiek: loro, essi. Hazi: seme)

Munduaren arima bait da iraultzailea: Perché l’anima del mondo è rivoluzionaria

airean hegan egin, inoiz gelditu gabea: vola nell’aria, non si è mai fermata

Deus balio ez duen jainkoa da dirua: il denaro è un dio che non vale niente (Deus: qualcosa. Deus ez: niente Balio: valore Jainkoa: dio Da: è Dirua: il denaro)

baldin badago: se c’è

jendearen haserre santua: la santa rabbia della gente

Jendearen: della gente. Haserre: rabbia. Santua: santa

Aire: aria

iraultzailea: rivoluzionaria

Aire iraultzailea

Aire Iraultzailea ea ea (ea: vediamo se .. )

Ezin ikusi: non si può vedere (Ezin: non poter. Ikusi: vedere)

sentitu: sentire

bai: si

ordea: invece

begitan: negli occhi

eta: e

buruan: nella testa

sartzean: quanto entra (Sartu: entrare)

Ezin ikusi: non si può vedere (Ezin: non poter. Ikusi: vedere)

sentitu: sentire

bai: si

ordea: invece

geldiezina: infermabile

da: è

ez bada ez gordea: se non è nascosta (Ez bada: se non è

Gordea: nascosto)

Ezin ikusi sentitu bai ordea: e non si vede ma si sente

eskutan: nelle mani (Esku: mano)

eta: e

gelan: nella stanza

baita ere: anche

dantzan: nella danza.

Ezin ikusi sentitu bai ordea: e non si vede ma si sente

ez da: non è

inoiz: mai

nahikoa: abbastanza

aire iraultzailea: l’aria rivoluzionaria

Dantzatu: balla

dantza: danza

hau: questa

ez zazu itxaron: non aspettare

dantzatu: balla

dantza hau: questa danza

ez: no, non

geratu: rimanere

begira: a guardare

Dantzatu dantza hau: danza questa danza

borroka garaia da: è l’ora di lottare (Borroka: lotta. Garaia: ora, il tempo. Da: è)

dantzatu dantza hau: danza questa danza

harnasten hasi: incomincia a respirare (Harnas: respiro. Hasi: incominciare)

airea: l’aria

Aire iraultzailea: aria rivoluzionaria

 
Dedicata a Renato Biagetti, attivista del Centro Sociale Acrobax di Roma ucciso a 26 anni da un agguato fascista il 27 agosto 2006

La Kontramina, lead vocal delle Hi-Shine Ladies Reggae Band e back vocal della Wogiagia Crew. Attraverso la sua espressione vibra l’energia delle interpreti che hanno fuso il Soul, il Reggae e il fast talking delle pioniere del Dj style e della Dub Poetry al femminile. C’è molto oltre il Reggae nel suo modo di scrivere e di cantare, che attraversa diversi continenti e numerose influenze stilistiche. Militante e potente, accorata e struggente, complessa e genuina, spirituale ed alle volte mistica; da sempre paladina della Consciousness. Dai grandi palchi alle improvvisazioni in piazza, un’agitatrice culturale che ha messo la propria voce al servizio del messaggio di lotta e di amore che arriva dal barrio ribelle della Terra.

 

riddim: Dreadsquad | feat. Tenor Fly – Sweet Thing (original skankin version – instrumental)

Everyday jungle | Egunero ohian

Ital Noiz

Everyday is a new day / Everyday you can start again / Every choice is a new way / To set you free from your chains / Everyday is a new day / Every day you can start again / Follow the push o’ di blood in your veins / To walk di world in a positive way / Everyday’s a jungle inna Roma town / It’ s a jungle everyday in dis ya city life / Me want to be free to go up or down / Me want to feel the fire or freezin’ ice / From mornin’ till di evenin’ voices keep on chasin’ me / Askin’ what I want to be today, tonight / From mornin’ till di evenin’ choices keep on facing me / Askin’ where I want to be today, tonight. / Cada dìa es un nuevo dìa y cada dìa puedes recomencar / En cada dìa que tu vivas fuerte (porque), cada dìa es un dìa de suerte!

Egunero egun berri

Berriz hasi ahal zara beti

Aske izan ta erabaki

Zure kate guztiak hautsi

Egunero egun berri

Berriz hasi ahal zara beti

Zainetako odolari jarrai

Zoaz munduan positibo ta alai

Egunero jungla Eromako hiria

Ohiana egunero Eroman bizia

libre izan nahi dut joateko gora bera

Ormaren sua sentitu nahi dut, zera!

Goizetik gauera ahotsak nire atzen

Galdezka zer izan nahi dudan gaur, gauen

Goizetik gauera ahotsak aurrez aurre

Galdezka non izan nahi dudan gaur, gauen

Egunero egun berri, Berriz hasi ahal zara beti

Aske izan ta erabaki

Zure kate guztiak hautsi

Egunero egun berri, Berriz hasi ahal zara beti

Zainetako odolari jarrai

Zoaz munduan positibo ta alai

Berritu eguna egunero

hasi ahal haiz berriro

zorionekoa, bizi bizitakoa

egun bizi bizitakoa

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Egunero: ogni giorno (tutti i giorni)

egun: giorno

berri: nuovo

Berriz: di nuovo

hasi: cominciare

ahal zara: puoi (Ahal: potere. Zara: sei)

beti: sempre

Aske: libero

izan: essere, sii

ta: e

erabaki: decidi, decidere

Zure: tuo, tuoi

kate: catena/e

guztiak: tutte

hautsi: rompere, rompi

Egunero egun berri: ogni giorno è un giorno nuovo

Berriz hasi ahal zara beti: puoi sempre ricominciare

Zainetako: delle vene

odolari: al sangue (Odol: sangue)

jarrai: segui, seguire

Zoaz: vai

munduan: nel mondo

positibo: positivo

ta: e

alai: allegro/a

Egunero: ogni giorno

jungla: una giungla

Eromako: di Roma (Eroma: Roma)

hiria: la città

Ohiana: una selva

egunero: tutti i giorni

Eroman: a Roma

bizia: vissuta. Vita.

libre: libera

izan: essere

nahi dut: voglio

joateko: per andare (Joan: andare)

gora: su

bera: giù

Ormaren: del ghiaccio

sua: il fuoco

sentitu: sentire

nahi dut: voglio

zera!: ecco!

Goizetik: dalla mattina (Goiz: mattina)

gauera: alla notte (Gau: notte)

ahotsak: voci

nire atzen: dietro a me (Nire: mio, a me. Atze: dietro)

Galdezka: domandando

zer: che, che cosa

izan: essere

nahi dudan: voglia io (Nahi: volere)

gaur: oggi

gauen: di notte

Goizetik gauera: dalla mattina alla sera

ahotsak: le voci

aurrez aurre: davanti, uno davanti all’altro

Galdezka: domandando

non: dove

izan: essere, stare

nahi dudan: voglia io (Nahi: volere)

gaur gauen: stanotte

Egunero egun berri: ogni giorno è un giorno nuovo

Berriz hasi ahal zara beti: puoi sempre ricominciare

Aske izan ta erabaki: essere libera e decidere

Zure kate guztiak hautsi: rompere tutte le tue catene

Egunero egun berri: ogni giorno è un giorno nuovo

Berriz hasi ahal zara beti: puoi sempre ricominciare

Zainetako odolari jarrai: seguire il sangue delle vene

Zoaz munduan positibo ta alai: vai nel mondo positivo e allegro

Berritu: rinnova, rinnovare

eguna: il giorno

egunero: ogni giorno, tutti i giorni

hasi: ricominciare

ahal haiz: puoi

berriro: di nuovo

zorionekoa, bizi bizitakoa: felice, fortunato quello vissuto per davvero

egun bizi bizitakoa: il giorno vissuto fino in fondo

(Zorion: fortuna, felicità. Bizi:vivere, vita. Bizitakoa: il vissuto, quello vissuto. Egun: giorno)

“EVERYDAY JUNGLE” – (G.Ferrante / Ital Noiz)

recorded and arranged by Angelo “MrFasa” Morrone @ Formadonda studio, Rome, Italy, 2011.

 

mixed and produced for Universal Egg by Neil Perch @ Zion Train Studio, Cologne, Germany 2011.

ITAL NOIZ:

Giulio Ferrante aka Giuliobass – lyrics, vocals and basslines

Angelo “Mr Fasa” Morrone – loops, synths, programming, keyboards, fxs

 

GUESTS:

Julia Kee – lyrics & vocals ( too much & lady dub ), backing vocals on ( loverz & bass fi mass )

RudeHiFi aka Barriobeat – lyrics & vocals ( cuando llega )

Rastablanco – vocals on “Come as you are”

Stefano Cecchi – trumpet

Amos Vigna – tenor and alto sax

Valerio Guaraldi – solo guitar

Alex Orelli – solo guitar ( dobro? ) on Loverz

 

Lights out. Sesso | Lights out. Sexua

Eren

Stenditi a letto con me / Senza coperte perché / Non voglio, niente addosso tranne la voglia di star qui con te / Dirti ti amo e non t’ho mai lasciato né mollerò mai vedrai che mi amerai / Dolcemente / Sotto questo / Cielo di stelle / Sotto la pioggia o sotto al sole / In ogni singolo momento ogni singolo secondo ogni singolo che sforno ci sei tu, ed io / sempre più blu / Sempre più giù / Sempre più blu / Sempre più giù. / Faccio trap come faccio rap come studio jazz con mio padre al sax ed io al flauto, classica, storia drastica, ma sai che ma ‘sti ca / mastico rabbia da / troppo per farmi d’indica / e tu mi indichi sproloquiando / mentre intanto copiando da un altro ottieni la fama che avevi sognato ed arrivi in alto / ma sai che c’è? / Rimango qua in basso su quest’asfalto / Rimango vero e me ne vanto / Tu lassù in alto, sempre più falso / Questo è il tuo momento ma Aspetta che salgo! / Aspetta solo che questa mia musica mi segua / Aspetta solo che si infili sotto sta coperta nera / Aspetta solo che mi parli con quella sua voce tetra / Mi entra nella testa, carezza da mani di pietra / Crepa! / Anzi no, non posso, dirti va, farti o farmi un torto anche se qua non c’è torto o ragione c’è solo ciò che ho tolto nel tempo da me / pure il nome. / Mi hanno tolto pure il nome / Nome nome… / Non smetto nemmeno con te / Penso a tutto in questo letto, ma te / Continui a muoverti / Continui a muoverti / Continui a muoverti / Su di me / Continui a muoverti / Continui a muoverti / Continui a muoverti / Su di me / E allora vieni qui / Vieni qui / Vieni qui / Vieni qui da me / Fammi scordar di me / Fammi scordar di te / Non ti scordar di me / Non ti scordar di te / Solo i nostri corpi lottano / Le nostre menti si addormentano, di colpo / Solo i nostri corpi sotto questi colpi gemono… / Ma Le nostri menti piangono… / Anche se stiamo / Siamo / Divisi da catene / Ti amo o no / Nascondo quel che ho / All’interno del mio cuore / Nel profondo di ciò che nascondo / Ma ne senti l’odore / Da ogni mia espressione / Ogni mia confessione / Ogni mio dolore, che / Rende tutto più piacevole / Per te. / Solo per te. / Lo faccio solo per te / Lo faccio solo perché / Faccio, solo questo perché? / Tra sette miliardi di persone ce n’è una che più una fa noi, e tu mi vuoi, come vorresti / Sdraiarti sui sassi del letto di un fiume / Calcare i tuoi passi su un mare di piume / Volare tra gli astri in un giorno di sole / Morire vivendo in un mondo di favole / Parlare pensando di non farmi mai male / Ma questo mondo non c’è… / Questo mondo non c’è… / E nel frattempo nella notte / In questo letto tu: / Continui a muoverti / Continui a muoverti / Continui a muoverti / Su di me / Continui a muoverti / Continui a muoverti / Continui a muoverti / Su di me / E allora vieni qui / Vieni qui / Vieni qui / Vieni qui da me / Fammi scordar di me / Fammi scordar di te / Non ti scordar di me / Non ti scordar di te / (Non ti scordar di noi)

Etzan zaitez ohean nirekin

mantarik gabe ze

Ezer ez nahi gainean, zukin egoteko gogoa besterik ez

Maite zaitut esan betirako elkar, ez dut inoiz etsiko,

maiteko nauzu alta

Emeki ortzi honen azpian

Euripe ala eguzkipean

Segundu oro ta hats bakoitzean

hara zu, ta ni

Are ta urdinago beherago

ilunago beherago

Trap egiten dut rap ta

jazz ikasten dut ta

aita saxoan ni flauta klasikoan,

historio drastikoan

bost axolakoan haserre ta belarra errea tartean

zure ele melea lortu duzu ezaguna izatea

besteak kopiatzen goian agertzea

Baina ba al dakizu

Asfaltoan geratzen naiz,

harro eta jator

Zu hor goian, gero ta faltsuago

Zure momentua da baina, banator

Itxoin nire musika nirekin dator

Itxoin manta azpian sartu dadin

Itxoin bere ahots ilunarekin

niri mintzatu arte

harrizko eskuz ferekatu

zureak egin!

Beno ez, ezin zu bidali pikuta,

zu edo ni mindu, hemen ez da minik,

ez arrazoirik,

nigandik hustutako guztia baizik

Izena ere kendu didate

izena izena

zurekin ere geratu ezin

Ohean oro bururatzen zait, baina zu

Mugitzen jarraitu

Mugitzen jarraitu

Mugitzen jarraitu

Nire gainean

Mugitzen jarraitu

Mugitzen jarraitu

Mugitzen zu zu

Zatoz hona bada

Zatoz hona

Zatoz hona

Zatoz nigana

Ni ahaztu

Zu ahaztu

Zuk ez ni ahaztu

Zuk ez zu ahaztu

Gorputzak soilik borrokan

Gure senak lokartzen, bapatean

Kolpe hauen artean, gorputzak adi adian

Gure senak ordea negarrean

Naiz bagaude, bagara

kateek zatituta

Maite zaitut ala ez

Izkutatu dudana

Nire bihotzaren barruan

Sakonean izkutuan

Zaude nire usaiean

Nireak diren hitzak

Nireak diren aitortzak

Nire min bakoitzak

Edertzen dute den dena zutzat

Zuretzat soilik

Zuretzat ez besterik

Zergatik guzti hau egin

Horregatik, zergatik zazpi mila milioi personen artean,

Bat gehi bat gara gu

Ta zuk ni nahi

Errekaren ohean etzan nahi bezala

luma itsasoan ibili ahala

bizi izarren artean

eta hil ipuin mundu batean

Inoiz mindu gabe mintzatu

Ez da halako mundurik hautu

halako mundurik hautu

Gauean, bitartean zu ohe honetan

Mugitzen jarraitu Mugitzen jarraitu

Mugitzen jarraitu Nire gainean

Mugitzen jarraitu Mugitzen jarraitu

Mugitzen zu zu

Zatoz hona bada Zatoz hona

Zatoz hona

Zatoz nigana

Ni ahaztu, zu ahaztu

zuk ez ni ahaztu

Zuk ez zu ahaztu

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Etzan zaitez: sdraiati

ohean: al letto (Ohe: letto)

nirekin: con me (Ni: io)

mantarik gabe: senza coperte (Manta: coperta. Gabe: senza)

ze: perché

Ezer ez: niente

nahi: voglio, volere

gainean: sopra

zukin: con te

egoteko: per stare

gogoa: la voglia

besterik ez: soltanto

Maite zaitut: ti amo

esan: dire, di

betirako: per sempre

elkar: insieme

ez dut inoiz etsiko: non smetterò mai (Ez: no. Inoiz: qualche volta. Inoiz ez: mai. Etsi: mollare, lasciare)

maiteko nauzu: mi amerai (Maite: amare. Nauzu: tu a me)

alta: invece

Emeki: dolcemente

ortzi: cielo stellato

honen: di questo

azpian: sotto

Euripe: sotto la pioggia (Euri: pioggia)

ala: oppure

eguzkipean: sotto il sole (Eguzki: sole)

Segundu: secondo

oro: ogni

ta (eta): e

hats: respiro

bakoitzean: in ogni

hara: ecco!

zu: tu

ta: e

ni: io

Are ta: sempre più

urdinago: più blu (Urdin: blu)

ilunago: più oscuro, più triste (Ilun: oscuro, triste)

Are ta: sempre più

beherago: più giù (Behe: giù)

Trap: trap

egiten dut: faccio (Egin: fare)

rap ta: rap e

jazz: jazz

ikasten dut: studio (Ikasi: studiare)

ta: e

aita: padre

saxoan: nel sassofono

ni: io

flauta klasikoan: nel flauto classico

historio drastikoan: nella storia drastica

bost axolakoan: ma ’sti cavoli (Bost: 5. Axola: fregare, importare)

haserre: arrabbiato

ta: e

belarra: erba

errea: fumata, bruciata

tartean: intanto

zure: il tuo

ele melea: sproloquio

lortu duzu: sei riuscita (Lortu: riuscire)

ezaguna: conosciuta

izatea: essere

besteak: gli altri

kopiatzen: copiando

goian: su

agertzea: comparire

Baina: ma

ba al dakizu: lo sai?

Asfaltoan: nell’asfalto

geratzen naiz: rimango (Geratu: rimanere. Naiz: sono)

harro: orgoglioso, me ne vanto

eta: e

jator: in gamba, vero.

Zu: tu

hor:

goian: su

gero ta: sempre più

faltsuago: più falso (Faltsu: falso)

Zure: tuo

momentua: momento

da: è

baina: ma

banator: vengo

Itxoin: aspetta

nire: la mia

musika: musica

nirekin: con me

dator: viene

Itxoin: aspetta

manta: coperta

azpian: sotto

sartu dadin: che si infili (Sartu: entrare)

Itxoin: aspetta

bere: suo

ahots ilunarekin: con la voce scura, tetra (Ahots: voce. Ilun: scuro)

niri: a me

mintzatu arte: finché mi parla (Mintzatu: parlare. Arte: fino a che)

Nire burmuinean: nel mio cervello (Nire: mio. Burmuina: cervello)

sartu: entrare

harrizko: di pietra

eskuz: con le mani (Esku: mano)

ferekatu: accarezzare

zureak egin: crepa!

Beno: va beh…

ez: no

ezin: non posso

zu bidali: mandarti (Zu: tu. Bidali: inviare)

pikuta: a quel paese

zu edo ni: tu o io

mindu: fare del male

hemen: qui

ez da minik: non c’è torto (Ez: no. Da: c’è. Mina: dolore)

ez arrazoirik: ne ragioni

nigandik: da me

hustutako guztia: tutto quel che è svuotato (Hustu: svuotare. Guztia: tutto)

baizik: invece

Izena: il nome

ere: anche

kendu didate: mi hanno tolto (Kendu: togliere. Didate: loro a me)

izena: il nome

zurekin ere: con te neanche

geratu ezin: posso rimanere (Geratu: rimanere)

Ohean: nel letto (Ohe: letto)

oro: tutto

bururatzen zait: mi viene in mente (Buru: testa. Bururatu: venire in mente. Zait: esso a me)

baina zu: ma tu

Mugitzen jarraitu: continua a muoverti (Mugitu: muovere jarraitu: continuare)

Nire gainean: sopra di me (Nire: di me, mio. Gainean: sopra)

Zatoz: vieni

hona: qui

bada: allora

Zatoz nigana: vieni da me

Ni ahaztu: Dimenticarmi, dimenticami

Zu ahaztu: dimenticarti

Zuk ez ni ahaztu: tu non dimenticarmi (Zuk: tu. Ez: no. Ni: io. Ahaztu: dimenticare)

Zuk ez zu ahaztu: tu non ti dimenticare

Gorputzak: i corpi

soilik: soltanto

borrokan: lottano (Borroka: lotta)

Gure: nostre

senak: menti

lokartzen: si addormentano

bapatean: di colpo, tutt’a un tratto

Kolpe hauen artean: in mezzo a questi colpi (Kolpe: colpo. Hauen: di questi. Artean: tra)

gorputzak: i corpi

ari arian: con insistenza

Gure: le nostre

senak: menti

ordea: invece

negarrean: nel pianto (Negar: pianto)

Nahiz bagaude: anche se stiamo

bagara: siamo

kateek: dalle le catene, catene

zatituta: divisi

Maite zaitut: ti amo

ala ez: oppure no

Izkutatu dudana: quel che ho nascosto

Nire bihotzaren barruan: dentro al mio cuore (Nire: mio. Bihotza: cuore. Barruan: dentro)

sakonean: nel profondo

izkutuan: nascosto

zaude: sei, stai

nire usaiean: nel mio odore (Nire: mio. Usai: olfato, odore.)

Nireak diren hitzak: le parole che sono mie (Nireak: mie. Diren: che sono. Hitzak: parole)

Nireak diren aitortzak: le confessione che sono mie

nire min bakoitzak: ogni mio dolore (Min: dolore. akoitza: ogni)

edertzen dute: abbelliscono (Eder: bello)

den dena: tutto

zutzat: per te

Zuretzat soilik: Solo per te (Zuretzat: per te. Soilik: soltanto)

Zuretzat ez besterik: solo per te

Zergatik: perché

guzti: tutto

hau: questo

egin: fare

horregatik: per quello

zergatik: perché

zazpi mila milioi: sette mila milioni

personen artean: tra persone

bat: 1

gehi: più, +

gara gu: siamo noi

Ta zuk ni nahi: E tu mi vuoi

Errekaren: del rusciello

ohean: nel letto

etzan nahi bezala: come volersi sdraiare (Etzan: sdraiarsi. Nahi: volere. Bezala: come)

luma itsasoan: in un mare di piume (Luma: piuma. Itsaso: mare)

ibili ahala: poter camminare (Ibili: camminare. Ahal: poter)

Egun argian hegal: volare in un giorno di sole (Egun: giorno. Argi: luce. Hegal: volare)

bizi izarren artean: vivere in un mondo di stelle (Bizi: vivere. Izar: stella. Artean: tra)

eta: e

hil ipuin mundu batean: morire in un mondo di favole (Hil: morire. Ipuin: favola. Mundu: mondo. Batean: in un)

Inoiz mindu gabe mintzatu: parlare senza mai fare male (Inoiz: mai. Mindu: fare male. Gabe: senza. Mintzatu: parlare)

Ez: no, non

da: c’è, è

halako mundurik hautu: la possibilità di mondi così. (Halako: così. Mundu: mondo. Hautu: scelta, possibilità)

Gauean: nella notte

bitartean: nel frattempo

zu: tu

ohe: letto

honetan: in questo

Mugitzen jarraitu: continui a muoverti

Mugitzen jarraitu: continua a muoverti

Nire gainean: su di me

Zatoz hona bada: e allora vieni qui

Ni ahaztu: scordati di me

Zu ahaztu: scordarti di te

Ez ni ahaztu: non ti scordar di me

ez zu ahaztu: non ti scordar di te

La tessera | Txartela

Phango

Le cose che possiedi alla fine ti possiedono / cerchi te stesso e il riflesso del tuo alter-ego / mo che perdi ogni fratello se lotti contro il tuo essere (vai!) / combatti per trovare te stesso tra mille tessere. / rovescio la medaglia, deraglio, ho perso coscienza / se la speranza ci uccide, rispondi: qual’è l’essenza / di credere nel destino, legarsi a un altro respiro / convinciti d’esse il primo ma resti al tuo primo giro (e sia!) / quello che stanno cercando noi l’abbiamo già trovato / credo che pure quest’anno parlo e non mi so’ spiegato / la notte porta consiglio, si, ma chi è saggio dentro / a chi vede col terzo occhio partendo giù dal cemento ehò / il mio nome è nessuno perché nessuno può / cercare di me stesso un lato che a me stesso è oscuro (mai!) / trovi la porta giusta, si, se ne butti giù tante / resterà il nome di un tizio sulle nostre mutande / resta solo il rumore per chi è solo stasera / firmo un pezzo d’autore nella terra straniera / in testa ho un punto fisso, lo fisso e non mi spavento / se guardi a lungo l’abisso, l’abisso ti guarda dentro

Dauzkazun gauzak zure jabe dira

zure bila zu zabiltza, alter egoaren isla

anai guztiak galduko zure izaeraren kontra eginik

zure burua aurkitu nahi mila karnet ttanttaz blai

Txanponari buelta, errailetatik at, galdu dut kordea

esperantzak akatzen bagaitu, esan: zer da mamia ordea?

patuan sinestea, beste harnas bati heltzea

lehenengoa pentsa zarela ta lehen biran gelditzea

bilatzen ari direna aurkitu dugu jada

aurten ere asko hitz egin ta ezer ez argitu, bada

gauak aholkua dakar, bai, baina zuhurra denari soilik

hiru begiz begiratzen duenari, porlan azpitik

Inor ez izena dut inork ezin baitu

niri iluna zaidan alde bat nigandik aurkitu

bidezko atea aurkitu ahal duzu, beste hainbaten txikiziotan

tipo baten izena josirik gure galtzontzilotan

zarata besterik ez da gaueko bakardadean

testu bat sinatzen dut atzerriko lurrean

Iltze bat dut buruan, barruan ez nau beldurtzen

begira luze leizea, leizeak zu begiratzen

Inor ez izena dut inork ezin baitu

niri iluna zaidan alde bat nigandik aurkitu

bidezko atea aurkitu ahal duzu, beste hainbaten txikiziotan

tipo baten izena josirik gure galtzontzilotan

zarata besterik ez da gaueko bakardadean

testu bat sinatzen dut atzerriko lurrean

Iltze bat dut buruan, barruan ez nau beldurtzen

begira luze leizea…

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Dauzkazun: che hai

gauzak: le cose

zure jabe dira: sono i tuoi padroni (Zure: tuo/e. Jabe: proprietario, padrone. Dira: sono)

zure bila zu zabiltza: tu cerchi te stesso (Zure: tuo, di te. Bila: in cerca. Zu: tu. Zabiltza: stai)

alter egoaren: dell’alter ego

isla: riflesso

anai: fratelli

guztiak: tutti

galduko: perderai

zure izaeraren kontra eginik: andando contro il tuo essere (Zure: tuo Izaera: essere, personalità. Kontra: contro) Eginik: facendo.

zure burua: te stesso (Zure: tuo/a Burua: testa)

aurkitu: trovare

nahi: vuoi

mila: 1.000

karnet ttanttaz blai: bagnato da gocce di tessere (Karnet – Txartela: tessera. Ttantta: goccia. Blai: bagnato)

Txanponari: alla medaglia, alla moneta (Txanpon: moneta)

buelta: rovescio

errailetatik at: deraglio (Errail: binari. At: fuori)

galdu dut: ho perso (Galdu: perdere)

kordea: la coscienza

esperantzak: la speranza

akatzen bagaitu: se ci uccide (Akatu: uccidere. Bagaitu: se lui a noi)

esan: dire. Di. Dimmi

zer da: che è

mamia: l’essenza, la sostanza

ordea: invece.

patuan: nel destino

sinestea: credere

beste: altro

harnas bati: a un respiro

heltzea: legarsi, aggrapparsi

lehenengoa: il primo

pentsa: pensare

zarela: che sei

ta: e

lehen biran: al primo giro (Lehen: primo. Bira: giro)

gelditzea: fermarsi

bilatzen ari direna: quello che stanno cercando (Bilatu: cercare)

aurkitu dugu: l’abbiamo trovato (Aurkitu: trovare)

jada: già

aurten: quest’anno

ere: anche

asko hitz egin: parlare molto (Asko: molto. Hitz egin: parlare)

ta: e

ezer ez: niente

argitu: chiarire, spiegare

bada: quindi

gauak: la notte

aholkua: consiglio

dakar: porta

bai:

baina: ma

zuhurra: saggio

denari: a chi è

soilik: soltanto

hiru: 3

begiz: con occhi

begiratzen duenari: a chi vede, a chi guarda

porlan azpitik: da sotto il cemento (Porlan: cemento. Azpitik: da sotto)

Inor ez: nessuno

izena dut: mi chiamo

inork ezin baitu: perché nessuno può (Inork: qualcuno. Inork ez: nessuno. Ezin baitu: perché non può)

niri: a me

iluna: oscuro

zaidan: che mi è

alde bat: un lato

nigandik: da me

aurkitu: trovare

bidezko: giusta

atea: porta

aurkitu: trovare

ahal duzu: puoi

beste hainbaten txikiziotan: nella distruzione di tante altre (Beste: altre. Hainbat: tante Txikizio: distruzione)

tipo: tizio

baten: di uno

izena: nome

josirik: cucito

gure galtzontzilotan: nelle nostre mutande (Gure: nostro/e. Galtzontzilo: mutande)

zarata: rumore

besterik ez da: null’altro che

gaueko: della notte

bakardadean: nella solitudine

testu: testo

bat: 1

sinatzen dut: firmo

atzerriko lurrean: in terra straniera (Atzerri: terra straniera. Lur: terra)

Iltze: chiodo

bat: un

dut: ho

buruan: in testa

barruan: dentro

ez nau: non mi (Ez: no. Nau: quello a me)

beldurtzen: spaventa

begira: guarda

luze: a lungo, lungo

leizea: l’abisso

leizeak: l’abisso

zu: tu

begiratzen: ti guarda (Begiratu: guardare)

Inor ez izena dut: il mio nome è nessuno

inork ezin baitu: perché nessuno può

niri iluna zaidan alde bat nigandik aurkitu: trovare in me un lato che a me è oscuro

bidezko atea aurkitu ahal duzu: puoi trovare la porta giusta

beste hainbaten txikiziotan: in tante altre distruzioni

tipo baten izena josirik gure galtzontzilotan: il nome di un tizio cucito sulle nostre mutande

zarata besterik ez da gaueko bakardadean: c’è solo rumore nella solitudine della notte

testu bat sinatzen dut atzerriko lurrean: firmo un pezzo in terra straniera

Iltze bat dut buruan: ho un chiodo in testa

barruan ez nau beldurtzen: dentro non mi spaventa

begira luze leizea: guarda a lungo l’abisso…

leizeak zu begiratzen: l’abisso ti guarda

Tra cielo e utopia | Zeru eta utopia artean

Skasso

Ribolle agli argini / cammina oltre i margini / la mia energia si espande nitida / tra cielo e utopia / affondano le mie radici affondano / profonde cicatrici nella terra mia si fondono / si fondono col fuoco della rabbia del mio popolo / si fondono con tutto ciò che è stato / e che gli è stato tolto / e intanto guardo il fiume / farsi rosso / sento una lacrima / scivolarmi addosso / scappa amore mio / e guarda avanti che / in questa notte buia / questi menano anche i santi / e griderò ora e sempre resistenza / non abbatterete la mia essenza / passo dopo passo / colpo dopo colpo / narra una storia / fatta solo di violenza / minuto per minuto / minuti come anni / secoli passati / all’insegna solo della forza / e voi lì impassibili invisibili / silenti e non assenti / tutti autori consenzienti / e così sia / a voi gloria cattedrali / chiese e spese varie / a noi bende garze e bare / altri mondi possibili / camminano invisibili / non smettere di fare / non smettere di dare / altri mondi possibili / camminano invisibili / non smettere di fare / non smettere di dare / e griderò ora e sempre resistenza / non abbatterete la mia essenza

Albotan irakiten

ertzetik kanpo ibiltzen

nire energia argi

zabaltzen da

zeru ta utopia arte(a)n

orbain sakonak nire lurrean

nire sustraiak sakon

sustraitzen dira, sakontzen dira

nire herriaren haserrearen suarekin

izan den ta ebatsitako guztiarekin

bat egiten

ta ni ibaiari begira

gorritzen da

sentitzen dut malkoa

gorputzan irristaka

Laztana, zoaz ihesi

ta aurrera begira

gau ilun hontan

santuei ere egurra

orain ta beti

ohiukatuko dut erresistentzia

ez duzue suntsituko nire esentzia

ohiukatuko dut erresistentzia

ez duzue suntsituko nire esentzia

Hala bedi

Pausuz pausu

kolpez kolpe

bortitza soilik den

istoria kontatzen

Minutuz minutu

urte antzeko minutu

Indarrean bakarrik

jasandako mendeak

ta zuek han sor

ezinikusi gor isilik baina beti hor

denak partaide ta denak ados

hala bedi

ohiukatuko dut erresistentzia

ez duzue suntsituko nire esentzia

hala bedi

zuentzat katedral ta gloria

elizak ta dirutzak

ta guretzat benda eta hilkutxak

Beste mundu posibleak

dabiltza inbisibleak

Egiteari ez utzi

emateari hobetsi

DIZIONARIO | HIZTEGIA

Albotan: negli argini, nei bordi

irakiten: bollendo (Irakin: bollire)

ertzetik: dai margini (Ertz: limite, margine)

kanpo: fuori

ibiltzen: camminando

nire: la mia

energia: energia

argi: nitido, chiaro. Luce.

zabaltzen da: si espande (Zabaldu: allargare, espandere. Zabal: largo)

zeru: cielo

ta: e

utopia: utopia

arte(a)n: tra, fra

orbain: cicatrice

sakonak: profonde

nire lurrean: nella mia terra (Nire: mia. Lur: terra)

nire sustraiak: le mie radici

sakon: profondo, profondamente

sustraitzen dira: si radicano

sakontzen dira: affondano (Sakondu: approfondire)

nire: mio

herriaren: del popolo (Herri: popolo)

haserrearen: della rabbia (Haserre: arrabiato)

suarekin: con il fuoco (Sua: il fuoco)

izan den: che è stato (Izan: essere)

ta: e

ebatsitako guztiarekin: con tutto quello rubato

(Ebatsi: rubare. Guztia: tutto)

bat egiten: unendosi, fondendosi, facendosi uno (Bat: 1 Egiten: facendo)

ta: e

ni: io

ibaiari begira: guardando il fiume (Ibaia: il fiume. Begira: guardare, guardando)

gorritzen da: diventa rosso (Gorri: rosso)

sentitzen dut: sento

malkoa: la lacrima

gorputzan: nel corpo

irristaka: scivolando

Laztana: amore, cara/o

zoaz ihesi: scappa (Zoaz: vai! Ihesi: scappare)

ta: e

aurrera: avanti

begira: guarda, guardare

gau: notte

ilun: oscura, buio

hontan: in questa

santuei: ai santi

ere: anche

egurra: menare. Legno.

orain: adesso

ta: e

beti: sempre

ohiukatuko dut: griderò (Ohiu: urlo, grido)

erresistentzia: resistenza

ez duzue suntsituko: non abbatterete (Ez: no, non. Suntsitu: annichilire)

nire esentzia: la mia essenza (Nire: la mia)

Hala bedi: così sia

Pausuz pausu: passo dopo passo

kolpez kolpe: colpo dopo colpo

bortitza soilik den: che è solo violenta (Bortitza: violento. Soilik: soltanto)

istoria: la storia

kontatzen: raccontando, narrando

Minutuz minutu: minuto per minuto

urte antzeko: come anni (Urte: anno/i. Antzeko: come, in forma di

minutu: minuto/i

Indarrean: di forza

bakarrik: soltanto

jasandako: subiti

mendeak: i secoli

ta: e

zuek: voi

han:

sor: sordi

ezinikusi: invisibili

gor: sordi (Sorgor: impassibili)

isilik: zitti, in silenzio

baina: ma

beti: sempre

hor:

denak: tutti

partaide: partecipi

ta: e

denak: tutti

ados: d’accordo

hala bedi: così sia

zuentzat: per voi (Zuek: voi)

katedral: cattedrale/i

ta: e

gloria: gloria

elizak: chiese

ta: e

dirutzak: ricchezze, soldi

ta: e

guretzat: per noi (Gu: noi)

benda: garza

eta: e

hilkutxak: bare

Beste: altri

mundu: mondo, mondi

posibleak: possibili

dabiltza: vanno, camminano

inbisibleak: invisibili

Egiteari ez utzi: non smettere di fare (Ez: no, non. Utzi: lasciare, smettere)

Emateari hobetsi: scegli il dare (Emateari: il dare, l’offrire. Hobetsi: preferisci, preferire)

Simone Canichella – voce e chitarra

Matteo D’Alessio – basso

Franco Marchetti – batteria

Domenico De Simone – sax

Claudio Starnoni – tromba

Stefano Degli Innocenti – chitarra

Valerio Cottarelli – tastiere

facebook | youtube – Skasso

…mira la via Skasso comune entità. Skasso è musica allo stato puro, fusa nel ritmo ska, tipico della musica giamaicana con una nota cantautoriale.