Ascolta tutto il CD del 2014 CD osoa entzun

Le Canzoni – Abestiak

 

Un ringraziamento vivacissimo al Dirigente Scolastico Dott. Giuseppe Fusacchia, che anno dopo anno continua a credere in questo progetto così particolare.

Proiektu hau ez litzateke posible izango irakasleen laguntzarik gabe. Ez eta eskolan irakasle ez diren langileen laguntzarik gabe. Eskerrik beroena Giuseppe Fusacchia eskolako zuzendariari, hainbat urtez urte proiektu berezi honetan sinesten jarraitzen duelako.

Annunci

Aske – Liberamente

aske disegno

Elisa Allegritti, Patrick Bartolini, Lorenzo Dinarelli, Lorenzo Lise

Niente nella mia mente. Boh! Ciao / Pur sapendo cosa scrivere. Bo, Ciao. / Una poesia che unisce la mia anima con la tua / Momenti gloriosi, parole e sensazioni / so solo che ti amo, ti amo, ti aaamo! Boh! Ciao! / La mia conchiglia si è aperta / Una modifica nella mia testa. / Vedo noi cielo aperto, intorno a nubi tossiche. / Ho provato a essere bravo e buono ma mi sono distratto / Il mio bianchetto giocava con il temperino / La penna si stava mangiando i capelli. / Non serve il cuore per amare ma l’affetto / non la bellezza, ma quello che si prova. / La cosa che mi ispira, il colore della mia vita, non so ke scrive’ / Boh! Ciao!

Ezer ez nire buruan.    Boh, Kaixo

Naiz ta jakin zer idatzi.    Boh, Agur

Nire arima zurearekin

batzen duen poesia bat. 

Momentu zoragarriak,

hitzak eta sensazioak

Maite zaitut, maiteeee badakit

Boh, Kaixo, Agur, Ciao

Ireki da nire txirla.

Aldaketa nire buruan.

Hara gu, zeru garbia,

laino toksikoak inguruan.

Saiatu naiz txintxo ta ona izaten

baina adia galdu dut.

Nire goma ta txorroskiloa jolasean.

Boligrafoa hilea jaten.

Ez da bihotza behar maitatzeko,

afektua baizik

Ez edertasuna,

sentitzen dena ordea.

Ispirazioa, nire bizitzaren kolorea

Ez dakit zer idatzi

Boh. Kaixo. Agur. Ciao

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Ezer ez: niente (Ezer: qualcosa. Ez: no)

nire buruan: nella mia testa

(Nire: mia/o Burua: testa)

Boh: boh

Kaixo: ciao, salve

Naiz ta: anche se

jakin: sapere

zer: che

idatzi:scrivere

Agur: Ciao, arrivederci

Nire: la mia arima: anima

zurearekin: con la tua

batzen duen: che unisce (Batu: unire)

poesia: poesia

bat: 1

Momentu: momento/i

zoragarriak: gloriosi, meravigliosi

hitzak: parole (Hitz: parola)

eta: e

sensazioak: sensazioni

Maite zaitut: ti amo

maite: amare

badakit: lo so

Ireki da: si è aperta (Ireki: aprire)

nire: mia, la mia

txirla: conchiglia

Aldaketa: un cambiamento, una modifica

nire: mia

buruan: nella testa (Buru: testa)

Hara: ecco

gu: noi

zeru: cielo

garbia: pulito, aperto

laino: nube

toksikoak: tossici

inguruan: intorno

Saiatu: provare

naiz: sono, ho

txintxo: bravo, buono

ta: e

ona: buono

izaten: essendo, ad essere (Izan: essere)

baina: ma

adia: l’attenzione

galdu dut: ho perso (Galdu: perdere)

Nire: mia

goma: gomma

ta: e

txorroskiloa: il temperino

jolasean: giocando

(Jolastu: giocare)

Boligrafoa: la penna

hilea: i capelli

jaten: mangiando (Jan: mangiare)

Ez: no, non

da: c’è, è

bihotza: il cuore

behar: aver bisogno, necessitare

maitatzeko: per amare

afektua: l’affetto

baizik: ma, invece, se non

Ez: no

edertasuna: la bellezza

sentitzen dena: quel che si sente

ordea: invece

Ispirazioa: l’ispirazione

nire: mio/a

bizitzaren: della vita

(Bizitza: vita)

kolorea: colore

Ez dakit: non so

zer: che

idatzi: scrivere

Kaixo: ciao, salve

Agur: ciao, arrivederci

Deus ez. Ezer ez. – Nulla

Marta Fine, Giorgio Ghigliani, Davide Mascolini, Francesco Maria Summa

 

Nulla / Vado nel mio mondo pieno di specchi, male ai ginocchi. / Senza regole, libero, oggi devo far da me, / Kiwi DNA mi mangio la quinta A / Senza politica ne capi, ne leggi, un mondo spensierato / Una canzone che non esiste, stretta nei miei pensieri. / Non è nulla, ma allo stesso tempo è tutto. / Perché voglio scappare dai Matoci*, capi spietati oggi. / Pulcinella è la mia budella, anzi bidella. / Voglio andare nel mio mondo. / Nulla.

* Maschera tipica del Trentino

Ezer ez. Deus ez.

Nire mundura joan,

ispiluz betea

mina belaunetan.

Araurik ez, aske,

gaur ni neuk egin behar.

Kiwi, DNA han

bostgarren maila nik jan.

Ez politika, ez nagusi,

munduan ardura gutxi

lege itsusi.

Esistitzen ez den kantua,

nire pentsamenduei lotua.

Ez da ezer baina den dena da.

Matociengana nahi dut ihes egin

gaur errukirik gabeko buruzagi.

Maskara da nire hestea,

atezaina bai zea!

Nire mundura joan nahi dut.

Deus ez. Ezer ez

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Ezer ez: niente, nulla

(Ezer: qualcosa. Ez: no)

Deus ez: niente, nulla

Nire: mio/a

mundura: al mondo

(Mundu: mondo)

joan: andare

ispiluz: di specchi

(Ispilu: specchio)

betea: pieno

mina: dolore

belaunetan: nelle ginocchia

(Belauna: ginocchio)

Araurik ez: Niente regole

(Arau: regola Ez: no)

aske: libero

gaur: oggi

ni neuk: io stesso (Ni: io)

egin: fare

behar: devo, dover

Kiwi: kiwi

DNA: DNA

han: lì

bostgarren: quinta (Bost: 5)

maila: livello, anno scolastico

nik: io

jan: mangiare, mangio

Ez: no

politika: politica

nagusi: capo/i

munduan: nel mondo

(mundu: mondo)

ardura: responsabilità

gutxi: poco, poche

lege: legge

itsusi: brutta/o

Esistitzen ez den: che non esiste

kantua: canzone

nire: mio, il mio

pentsamenduei: ai pensieri

(Pentsamendu: pensiero)

lotua: legato

Ez da: non è

ezer: niente

(Ezer ez: niente Ezer: qualcosa)

baina: ma

den dena: tutto quanto

(Dena: tutto)

da: e

Matociengana: dai Matoci

nahi dut: voglio (Nahi: volere)

ihes egin: scappare

gaur: oggi

errukirik gabeko: senza pietà

(Erruki: pietà Gabe: senza)

buruzagi: leader, capo/i

Maskara: maschera

da: è

nire: mia, le mie

hestea: intestino, budella

atezaina: bidella

bai zea: ma che! (Bai: si)

Nire: mio

mundura: al mondo

joan: andare

nahi dut: voglio

Deus ez. Ezer ez: Nulla, niente

Gu gara – Siamo noi

Leonardo Di Capua, Bernardo Barone, Marley De Pinho Carvalho, Chiara Veroi

Non so come iniziare Sono felice, vivo in Italia / la Natura, il ritmo è la mia musica, più bella / dell’Australia / parlerò della mia pazzia. / Le cose che faccio sono giuste, / a parte le cose ingiuste dei politici / sono contento di essere me, nessuno mi potrà mai fermare. / Il Sole dà luce, le stelle sono in alto e la luna brilla. / Correre, ridere, stare con gli amici / il cielo è azzurro / Sono felice degli anziani con i dialetti. / Amo il calcio, le carte Yu – Gi – Ho / Fanno ridere anche quando sono nei letti. / L’erba è verde, il fuoco è rosso. / Niente più in mente. / Bambino felice, strano, sempre occupato, mai arrabbiato. / Il mare è blu come uno zaffiro / senza dare importanza.

Nola ekin? Pozik naiz Italin

Natura, erritmoa da nire musika

ez da hobe Australin

Adizue nire eromenak

Nik eginak, zuzenak

ez ordea politikarienak

Ni neu izateaz pozik, i

nork trabatu ezinik

Eguzkiak argia eman,

izarrak han goian

ilargia diztiran.

Korri, parre, lagunekin berdin

argia da zerua, urdin

Maite dut futbola,

Yu Gi Ho karta jokua

ta helduen dialektuak

ohean direla ere maitatuak

Berdea da belarra, sua gorria

Besterik ez buruan

Zorioneko haurra, bitxia,

zereginean beti, inoiz ez haserre

Itsasoa urdina da, zafiroa lez

garrantzirik eman gabe

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Gu: noi gara: siamo

Nola: come

ekin: iniziare a fare

Pozik: contento

(Poza: allegria, felicità)

naiz: sono Italin: in Italia

Natura: la natura

erritmoa: il ritmo

da: è nire: mio, la mia

musika: musica ez: no, non

da: è hobe: meglio

Australin: in Australia

Adizue: ascoltate nire: mie

eromenak: pazzie (Ero: matto)

Nik: io

eginak: fatte (Egin: fare)

zuzenak: dritte, giuste

ez: no, non ordea: invece

politikarienak: quelli dei politici

(Politikari: politico)

Ni neu: io stesso (Ni: io)

izateaz: di essere (Izan: essere)

pozik: contento

Inork trabatu ezinik: nessuno può fermarlo

inork: qualcuno (Inork ez: nessuno)

trabatu: fermare, ostacolare

ezinik: non può

Eguzkiak: il sole (Eguzki: sole)

argia: luce eman: dare, da

izarrak: le stelle (Izar: stella)

han: lì goian: su, sopra

ilargia: la luna

diztiran: brillando

Korri: correre, corri

parre: ridere, ridi

lagunekin: con gli amici

(Lagun: amico)

berdin: uguale, anche

argia: chiaro. Luce. da: è

zerua: il cielo urdin: azzurro

Maite dut: mi piace, amo

(Maite: amare)

futbola: il calcio Yu Gi Ho

karta: carta jokua: gioco

ta: e helduen: degli anziani

(heldu: maturo, anziano)

dialektuak: dialetti

ohean: nel letto (ohe: letto)

direla: che stanno

(Dira: sono, stanno)

ere: anche

maitatuak: amati, voluti bene

Berdea: verde

da: è belarra: l’erba

sua: il fuoco gorria: rosso

Besterik ez: niente altro

(Beste: altro Ez: no)

buruan: in testa (Buru: testa)

Zorioneko: felice

haurra: bambino

bitxia: speciale, strano

zereginean: indaffarato

beti: sempre inoiz ez: mai

(Inoiz: qualche volta Ez: no)

haserre: arrabiato

Itsasoa: il mare

urdina: blu da: è

zafiroa: zaffiro lez: come

garrantzirik eman gabe: senza dare importanza

Garrantzi: importanza

eman: dare

gabe: senza

Negar egingo dut – Piangerò

Alexandru Aprodu, Vittoria Benedetti, Marco Bontempi, Francesco Imperioso

La musica del silenzioso fruscio delle foglie. / Creare, ascoltare e suonare / Piangerò piangerò fino a che non scierò / Quando gioco mi sento una persona libera / In rima mi piace, dalle cose non nasce / il vento che mi passa per i capelli / e salirò e scenderò finché non mi stancherò / salta canta suona gioca è questo quello che farò / Ma il problema è che non so che succede, mi trovo da sola, / non nasce dalle cose ma nasce da dentro, dal cuore / divertirsi con gli altri senza escludere nessuno / però il mio sogno è fare il calciatore. / ognuno di noi ha dei difetti e / vengono rispet- tati da tutti. / Ma … / sono triste di questa situazione

Hosto hots ixilaren musika

Sortu, entzun, jolastu

Negar egingo dut ez badut eskiatzen

Persona askea naiz ni jolasten

Errima dut gustagarri,

gauzetatik ez da etorri

ilean ari zaidan haize hori

Igoko naiz jaitsiko naiz

nekatu arte arituko naiz

Saltoka, kantuka, soinuka,

Jolastuko dut

hauxe egingo dut

Ez dakit zergatik

baina bakarrik naiz,

ez dator gauzetatik,

dator bihotz barrutik

besteekin dibertitu inor ez baztertu

baina ni futbolari izaten amesten dut

denok ditugu akatsak

eta denek errespetatu behar

baina…

triste naiz egoera honetan

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Negar: pianto

egingo dut: farò (Egin: fare)

Hosto hots ixilaren: del silenzioso

fruscio delle foglie

Hosto: foglia hots: suono

ixilaren: del silenzioso

(Ixila: silenzioso)

musika: musica

Sortu: creare

entzun: ascoltare

jolastu: giocare

Negar egingo dut: piangerò

ez badut eskiatzen: se non scio

(Ez: no, non Ba: se

Eskiatzen: sciando)

Persona: persona

askea: libera naiz: sono

ni: io jolasten: giocando

Errima: la rima dut: ho

gustagarri: piacevole

gauzetatik: dalle cose

(Gauza: cosa)

ez: no, non da: è

etorri: venire, venuto

ilean: nei capelli (ile: capello)

ari zaidan: che mi sta

haize: vento hori: quel

Igoko naiz: salirò (Igo: salire)

jaitsiko naiz: scenderò

(Jaitsi: scendere)

nekatu: stancare

arte: fino a

arituko naiz: ci andrò, starò

Saltoka: saltando

kantuka: cantando

soinuka: suonando

Jolastuko dut: giocherò

(Jolastu: giocare)

hauxe: questo

egingo dut: farò (Egin: fare)

Ez dakit: non so

zergatik: perchè

baina: ma

bakarrik: da solo

naiz: sono

ez: no, non dator: viene

gauzetatik: dalle cose

dator: viene

bihotz barrutik: da dentro il cuore

(Bihotz: cuore Barru: dentro)

besteekin: con gli altri

(Beste: altro)

dibertitu: divertirsi

inor ez: nessuno

(Inor: qualcuno Ez: no)

Baztertu: escludere

baina: ma

ni: io futbolari: calciatore

izaten: ad essere

amesten dut: sogno

(Amestu: sognare)

denok: tutti/e

ditugu: abbiamo

akatsak: difetti

eta: e denek: tutti/e

errespetatu: rispettare

behar: si deve, bisogna

baina: ma

triste: triste naiz: sono

egoera: situazione

honetan: in questa

Tristura eta armonia – Tristezza e armonia

Ludovica Bellotti, Daniela Chiappalone, Francesco Giannini, Sofia Bonvissuto

Affacciata alla finestra osservando una piccola pioggerella, / le foglie ca- dendo sul suolo freddo, ghiacciato, vuoto, / La ginnastica artistica, volteg- giare nell’aria fresca / senza avere pensieri in testa, stare in compagnia insieme all’allegria. // Giocare ridere e scherzare, non mi fa’ star male. / In mezzo agli scogli si voleva buttare, / ma non morire, volare, surfare, / non tutti sono in grado di amare. / Sciubidubidu, questo è il nome della felicità. /ti devi solo concentrare. // Uno, due, tre salto e basta solo riprovarlo / BARABARA’SCIUM SCIUM questo è il nome dell’allegria / Il cielo era pieno di nubi e il sole già / se ne era andato fuori / grandi buche piene / d’acqua e io le osservavo malinconica

Lehiotik begira,

euria xirimiri

hostoak erortzen

zola hotzean,

izotza, hutsa

Gimnasia artistikoa,

aire freskoan zilipurdika

burutaziorik ez,

pozarekin batera

Jolastu, farre ta txantxa,

ez nau goibeltzen

Arroka tartean bota nahi zen

baina hil nahi ez,

hegan aritu, surfeatu

Ez dira denak maitatzeko gai.

SCIUBIDUBIDU, hau da zorionaren izena

konzentratu behar zara, besterik ez

bat, bi, hiru salto ta berriz saiatu

BARABARA’SCIUM SCIUM

hau da alaitasunaren izena

Zerua lainoz beterik zen

eta eguzkia joana horrezkero

urez beteko zulo handiak

eta ni haiei so malenkoniatsu

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Tristura: tristezza

eta: e

armonia: armonia

Lehiotik: dalla finestra

(Lehio: finestra)

begira: guardando, osservando

euria: pioggia

xirimiri: pioggia leggera tipica dei Paesi Baschi

hostoak: le foglie

erortzen: cadendo (Erori: cadere)

zola hotzean: nel suolo freddo

(Zola: suolo Hotza: freddo)

izotza: ghiaccio hutsa: vuoto

Gimnasia: gimnastica

artistikoa: artistica

aire freskoan: nell’aria fresca

(Aire: aria)

zilipurdika: volteggiando

burutaziorik ez: senza pensieri

(Burutazio: pensiero Ez: no)

pozarekin batera: insieme all’allegria

(Poza: allegria, felicità Batera: insieme a)

Jolastu: giocare farre: ridere

ta: e txantxa: scherzo, scherzare

ez nau goibeltzen: non mi rattrista

(Ez: no, non Nau: egli a me Goibel: triste)

Arroka: roccia bota: buttare

nahi zen: si voleva (Nahi: volere)

baina: ma hil: morire

nahi: volere ez: no

hegan aritu: volare

surfeatu: surfare

Ez: no, non dira: sono

denak: tutti/e

maitatzeko: per amare

gai: capace/i Sciubidubidu

hau: questo da: è

zorionaren: della felicità

izena: il nome

konzentratu: concentrarsi

behar zara: ti devi

besterik ez: niente altro

(Beste: altro Ez: no)

bat: 1 bi: 2 hiru: 3

salto: salta ta: e

berriz: di nuovo

saiatu: provare

barabara’sciumscium

hau: questa

da: è

alaitasunaren: dell’allegria

(Alai: allegro)

izena: il nome Zerua: il cielo

lainoz: di nubi (Laino: nube)

beterik: pieno zen: era

eta: e eguzkia: il sole

joana horrezkero: già andato

(Joan: andare Horrezkero: da quel momento)

urez beteko: di acqua pieni

(Ur: acqua Bete: riempire, pieno)

zulo: buco handiak: grandi

eta: e ni: io

haiei: a loro, ad essi

so: osservare, guardare, osservando

malenkoniatsu: malinconicamente

Lau hezur – Quattro ossa

Andrea Renberg, Amed Bapignini, Adriano Riccobono, Ginevra Romano

La musica ha mille note gemelle non sempre d’accordo. E’ nella vita ed è infinita / Mi piace viaggiare in aereo, dalla finestra le nuvole, è come ve- dere nel vento, nell’infinito. / Oggi è un giorno strano, sulla pasta il / par- migiano. Non so cosa mi succede, ho visto i brufoli su un piede / Questo giorno è così bello, abbiamo rubato un gioiello. / Non so il perché, / scherzi non gradibili, non ci riconoscevano. / D’ora in poi canterò / forse non lo so. / Quante avventure si potrebbero fare / Sono un po’ insicura, di quello che avrò / Una nuova / supercolla, io sollevato dalla molla / Brutta e cattiva e riniziamo a litigare. / Non so il perche

Mila nota bixki dauzka musikak,

akordatu gabeak guztiak.

Bizitzan da ta infinitu.

Hegazkin bidaia maite dut,

lehiatilatik hodeiak,

haizea ikustea bezala da,

infinitua.

Gaur egun arraroa.

Pasta gainean parmesanoa.

Ez dakit zer dudan

Ikusi granoak oinean.

Eguna horren da ederra

lapurtu dugula altxorra.

Ez dakit zergatik

Txantxa ez atseginak

gure buruak ez antzemanak.

Hemendik aurrera kantatuko dut

agian, ez dakit

Zenbat abentura posible

zalantzatxoa ba dut,

hau da zer izango dut

Super kola berriak

Ni goratu malgukiak Itxusi ta gaizto

Haserretu gara berriz, to!

Ez dakit zergatik

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Lau: 4 hezur: osso/ ossa

Mila: 1000 nota: nota

bixki: gemelli dauzka: ha

musikak: la musica

akordatu gabeak: non accordate

(gabe: senza)

guztiak: tutte

Bizitzan: nella vita (Bizitza: vita)

da: è ta: e

infinitu: infinita

Hegazkin: aereo

bidaia: viaggio

maite dut: amo (Maite: amare)

lehiatilatik: dal finestrino

(Lehiatila: finestrino)

hodeiak: le nuvole haizea: il vento

ikustea: vedere bezala: come

da: è infinitua: l’infinito

Gaur: oggi egun: giorno

arraroa: strano

Pasta: pasta gainean: sopra

parmesanoa: il parmigiano

Ez: no, non dakit: so

zer: che dudan: ho

Ikusi: vedere, visto granoak: brufoli

oinean: sul piede (oin: piede)

Eguna: il giorno

horren: così tanto

da: è ederra: bello

lapurtu dugula: che abbiamo rubato

(Lapurtu: rubare)

altxorra: il tesoro

Ez: no, non dakit: so zergatik: perché

Txantxa: scherzi

ez atseginak: non gradibili

(Ez: no, non Atsegina: gradevole)

gure: nostre buruak: teste

ez antzemanak: non riconosciute

Hemendik: da adesso

aurrera: in avanti, avanti

kantatuko dut: canterò

agian: forse

ez: no, non dakit: so

Zenbat: quante/i

abentura: avventura

posible: possibili

zalantzatxoa: un piccolo dubbio

ba dut: sì che ho

hau da: cioè (Hau: questo Da: è)

zer: che izango dut: avrò

Super: super kola: colla

berriak: nuove Ni: io, me

goratu: sollevare, solleva

malgukiak: la molla

Itxusi: brutto/a ta: e

gaizto: cattivo/a

Haserretu gara: ci siamo arrab- biati

berriz;: di nuovo to!: tié! ecco!

Ez dakit zergatik: non so perche

Zerk zoriontzen nau – Cosa mi fa felice

Marco Agnello, Davide Dell’anna, Andrea Malgieri, Gaia D’Aquilio

Mi fa felice aver molti amici, scherziamo e ci divertiamo molto, / stare con la mia famiglia, divertirmi con i miei genitori. / Mi piace l’erba che serve a far crescere gli alberi e poi serve anche a giocare / Giocare a pallone, divertirmi / insieme agli amici, mi sembra una emozione. / Un giorno vorrei fare l’attrice, mi piace recitare anche se sono un po’ timida, è una sensazione. / L’amore fa battere il mio cuore, riscalda il mio cuore e per questo mi fa felice.

Lagun asko izan,

haiekin txantxetan aritu

ta asko dibertitu

sendiarekin egon,

gurasoekin ondo pasa

guzti honek pozten nau.

Zuhaitzak hazteko behar

belarra atsegin dut

balio baitu ere jolasteko

Baloiakin jolasean,

ondo pasa lagunartean,

emozioa dela behar dut esan

Egun batean

aktore izan nahi dut

naiz eta apur bat lotsati izan

sensazio bat da.

Amodioak nire bihotza

taupaka ipintzen du

bihotza berotzen du

ta horrek zoriontzen nau.

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Zerk: che

zoriontzen nau: mi fa felice

(Zorion: felicità Nau: egli a me)

Lagun: amico

asko: molto/i

izan: avere, essere

haiekin: con loro (Haiek: loro)

txantxetan aritu: scherzare

ta: e asko: molto

dibertitu: divertirsi

sendiarekin: con la famiglia

(Sendi: famiglia)

egon: stare

gurasoekin: con i genitori

(Guraso: genitore)

ondo pasa: divertirsi, stare bene

(Ondo: bene Pasa: stare, passare)

guzti: tutto

honek: questo

pozten nau: mi fa felice

Zuhaitzak: gli alberi

(Zuhaitz: albero)

hazteko: per crescere (Hazi: crescere)

behar: bisogno

belarra: l’erba

atsegin dut: mi piace

(Atsegin: piacere)

balio baitu: perché serve

ere: anche

jolasteko: per giocare

Baloiakin: con il pallone

(Baloi: pallone)

jolasean: giocando

(Jolastu: giocare)

ondo pasa: divertirsi (Ondo: bene)

lagunartean: tra gli amici

(Lagun: amico Artean: tra)

emozioa: emozione

dela: che è

behar dut: devo (Behar: dovere)

esan: dire

Egun: giorno

batean: in un (Bat: 1)

aktore: attore izan: essere

nahi dut: voglio (Nahi: volere)

naiz eta: anche se

apur bat: un poco

(Apur: briciola Bat:1)

lotsati: timido

izan: essere

sensazio: sensazione

bat: uno/a, 1 da: è

Amodioak: l’amore

nire: il mio bihotza: cuore

taupaka: a battere

ipintzen du: mette

(Ipini: mettere)

bihotza: il cuore

berotzen du: scalda

ta: e horrek: quello

zoriontzen nau: mi fa felice

Abereak futbolan – Animali al calcio

Daria Battistini, Beatrice Blanca Napoleone, Marco Pescina, Simone Curcio

Io amo il calcio più di ogni altra cosa perché si corre / si gioca si vince e si perde, tutti insieme. Vedo i miei compagni, ci passiamo la palla, / sembra una catena di anelli che vanno verso la porta. Abbiamo un cuore solo. / Nel campo vedo anche un cavallo volante che parla e dice: ciao, ciao, ciao, ciao!!! / Mentre una farfalla vola e dà pugnalate al pallone. / Poi va al mare e vede una pianta che cresce, canta e si spara / Ma poi dice: MUCCCCAAAAA!!!

Futbola maite dut

beste ezer baino

lasterka aritu

jolastu,

irabazi ala galdu

denak elkar.

Nire kideak ikusi,

baloia elkar pasa

ateruntz doazen

kate begiak dirudite

Bihotz bakarra dugu

Zelaian zaldi hegalduna ere

ikusten dut

hizketan ari da:

Kaixo, kaixo, agur, agur

Bitartean

tximeleta bat hegalean

baloiari labankadak eman ta eman

Gero itsasora doa

hazten ari den

landare bat ikusten du,

kantatzen eta

bere buruari tiro egiten

Gero ordea hauxe dio:

BEEEEEIIIIIIAAAAAAA,

MMMMUUUUUUCCCCCCAAAAAAA

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Futbola: il calcio

maite dut: amo

(Maite: amare)

beste: altro

ezer: qualcosa baino: più di

lasterka aritu: correre

(Laster: presto, veloce)

jolastu: giocare

irabazi: vincere

ala: o, oppure

galdu: perdere

denak: tutte/i

elkar: insieme

Nire: mio, miei

kideak: compagni

ikusi: vedere

baloia: pallone

elkar: insieme pasa: passare

ùateruntz: verso la porta

(Ate: porta)

doazen: che vanno

kate: catena/e begiak: anelli

dirudite: sembrano

Bihotz: cuore

bakarra: unico

dugu: abbiamo

Zelaian: nel prato

zaldi: cavallo

hegalduna: alato, che vola

ere: anche

ikusten dut: vedo

(Ikusi: vedere)

hizketan ari da: sta parlando

(Hitz: parola)

Kaixo: ciao, salve

agur: ciao, arrivederci

Bitartean: intanto, mentre

tximeleta: farfalla

bat: 1

hegalean: volando

baloiari: al pallone

(Baloi: pallone)

labankadak: coltellate.

(Laban: coltello)

eman ta eman: dando ripetuta- mente

(Eman: dare Ta: e)

Gero: dopo

itsasora: al mare

doa: va

hazten ari den: che sta crescendo

(Hazi: crescere)

landare: pianta

bat: 1

ikusten du: vede (Ikusi: vedere)

kantatzen: cantando eta: e

bere buruari: alla sua testa

(Bere: sua/o Buru: testa)

tiro egiten: sparando

(Tiro: sparo Egin: fare)

Gero: dopo

ordea: invece

hauxe: questo

dio: dice

BEIA: MUCCA

Ilun gaua, ilargia guri irrifarrez – Buio notte, la luna ci sorride

Aurora Di Salvo, Andrea Lidonnici, Federico D’angeli

Buio, notte / Una luna che sorride mi guarda / I robot fanno le fusa / e si sdraiano per terra / La tigre nella scuola mangia tutti! / Si chiama Minchuel, è rossa fuoco / Con una spada nella testa e vive nella foresta / amazzonica / I mostri arrivano, buio, notte / bevono petrolio e fanno le cose / Bambini gli lanciano i coltelli / se li mangiano come se fossero croccanti / Alberi mi circondano, sono un cane mannaro / Non siete più tanto mostri / che la mattina dormono

Ilun, gaua

Ilargi bat irrifarrrez

niri begira

Robotak urruma egin

eta lurrean

etzaten dira

Tigreak eskolan

denak jaten ditu

Minchuel izena du,

su gorria da

Ezpata du buruan

eta Amazona ohianean

bizi da

Mamuak datoz

ilun, gaua

Petrolioa edaten dute

eta gauzak egin

Haurrek labanak bota

haiek gailetak balira irentsi

Zuhaitzek inguratzen naute,

zakur ogroa naiz

Ez zarete gehiago

goizean lo dauden mamuak

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Gaua: notte Ilargia: la luna

guri: a noi (gu: noi)

irrifarrez: sorridendo (Irrifar: sorriso)

bat: 1 niri: a me (Ni: io)

begira: guardando, guardare, guarda

Robotak: il robot

urruma: fusa egin: fare eta: e

lurrean:per terra (Lur: terra)

etzaten dira: si sdraiano (Etzan: sdraiarsi)

Tigreak: la tigre

eskolan: nella scuola (Eskola: scuola)

denak: tutti

jaten ditu: mangia (Jan: mangiare)

Minchuel izena du: si chiama (Izen: nome)

su: fuoco

gorria: rosso

da: è Ezpata: la spada du: ha

buruan: in testa (Buru: testa)

eta: e Amazona: Amazzonia

ohianean: nella foresta

(Ohian: foresta, selva)

bizi da: vive (Bizi: vivere)

Mamuak: i mostri

datoz: vengono

ilun: buio gaua: notte

Petrolioa: petrolio

edaten dute: bevono (Edan: bere)

eta: e

gauzak: le cose

egin: fare, fanno

Haurrek: i bambini

labanak: i coltelli

bota: lanciano, buttano

haiek: loro, essi

gailetak: biscotti

balira: come fossero

irentsi: inghiottire, inghiottono

Zuhaitzek: gli alberi

inguratzen naute: mi circondano

(Inguratu: circondare)

zakur: cane

ogroa: mannaro, orco

naiz: sono

Ez: no, non zarete: siete

gehiago: più

goizean: di mattina (Goiz: mattina)

lo dauden

mamuak: i mostri che dormono

(lo: dormire dauden: che stanno)

Patuak batu gaitu – Il destino ci ha uniti

Davide Donzella, Flavio Bernardini, Federica Bizzarri, Marta Pascucci

L’amicizia, l’amore, assistere, segnare / l’amore, l’amicizia goal, goal / Tante emozioni in due sole parole / Sono nato solo grazie al fato / Fare un viaggio nel tempo / Vedere i dinosauri e trasformarmi in uno di loro / non sarò perfetto ma almeno voglio bene ai miei amici / una persona in particolare che non smetterò mai di amare / sentimenti indescrivibili / Le mie rime la gente le mima / dopo tutto sono meglio di prima. / Mi sembra quasi di ballare in aria /Come gli uccelli ballerini che sono /Ogni secondo nella mia mente. / Come la pallavolo. Anche quando sbaglio loro mi incoraggiano / Sensazione piacevolissima / Lo spettacolo è finito brutto, / hanno tutti capito il trucco.

Adiskidetza, amodioa,

asistitu, markatu

adiskidetza, amodioa

gol, gol.

Hainbat zirrara

bi hitz soiletan

Patuari esker jaio naiz

Denboran bidaia egin

Dinosauroak ikusi

eta batean trasformatu

Ez naiz ni perfektu

baina maite ditut lagunak

bat bereziki, beti maiteko dut

Sentimendu azaldu ezinak.

Nire errimak gogoan jendeak

zeren lehen baino hobeak

Ia airean dantza bezala ni

txori dantzari

Segundu oro nire gogo

boleibolean bezala

Nahiz eta nik huts egin, haiek animatu

Sensazio atse atsegina.

Ikustaldia oker bukatu

trukoa denek ulertu

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Patuak: il destino

batu gaitu: ci ha unito

(Batu: unire Bat: 1

Gaitu: egli a noi)

Adiskidetza: l’amicizia

amodioa: l’amore

asistitu: assistere

markatu: segnare

Hainbat: tante

zirrara: emozioni

bi hitz soiletan: in due sole parole (bi: 2

Hitz: parola/e Soil: sole, soltanto)

Patuari: al fato (Patu: fato)

esker: grazie a

jaio naiz: sono nato

(Jaio: nascere Naiz: sono)

Denboran: nel tempo

(Denbora: tempo)

bidaia egin: viaggiare

(Bidaia: viaggio Egin: fare)

Dinosauroak: i dinosauri

ikusi: vedere

eta: e batean: in uno (Bat: 1)

trasformatu: trasformare

Ez: no, non naiz: sono

ni: io perfektu: perfetto

baina: ma

maite ditut: amo, voglio bene

lagunak: gli amici

bat: uno

bereziki: in particolare, special- mente

beti: sempre

maiteko dut: amerò

Sentimendu: sentimenti

azaldu ezinak: indescrivibili

(Azaldu: apparire

Ezinak: impossibili)

Nire: mio, mie errimak: rime

gogoan jendeak: la gente le vuole

(Gogo: vogliaJende: gente)

zeren: perché

lehen baino hobeak: meglio di prima

(Lehen: prima Baino: più di

Hobeak: migliori)

Ia: quasi airean: nell’aria

dantza bezala: come ballando

(Dantza: danza Bezala: come)

ni: io txori: uccello

dantzari: ballerino

Segundu: secondo

oro: ogni nire: mio, nella mia

gogo: mente, voglia

boleibolean bezala: come nella pallavolo

(Boleibol: pallavolo Bezala: come)

Nahiz eta: anche se nik: io

huts egin: sbagliare, sbaglio

haiek: loro

animatu: incoraggiare

Sensazio: sensazione

atse atsegina: piacevolissima

Ikustaldia: lo spettacolo

oker: male, storto, brutto

bukatu: finire

trukoa: il trucco

denek: tutti

ulertu: capire, capito

Arraroa – La strana

Arraroa disegni

Sofia Amicucci, Elisa Orlandi, Leonardo Silvi, Flaminia Garau

Amici sia maschi che femmine li vorrei sempre vicino a me! / L’amicizia è una cosa speciale e il bello è che è reale, non si può spezzare. / Riesco a liberarmi, dicendo i miei segreti o passioni I A BASCU CHIP TU SUMINI ZSUP / ACUMAIACA GA – LA – LA Il mammut ha le zanne ed è peloso, / vive sulla neve peccato che sia estinto / Immense distanze / Vorrei stare sempre con loro. / Come il pattinaggio ULEPU CUPTA UGASA ACASA

Lagunak, bai neska ta mutilak

nire ondoan beti nahi.

Adiskidetasuna

gauza berezia

ederra eta erreala

hautsi ezina

Askatu ahal naiz

nire sekretu eta

pasioak azalduz

I A BASCU CHIP TU SUMINI ZSUP

ACUMAIACA GA – LA – LA

Mamutak hatzaparrak ditu

eta hiletsua da

elurretan bizi da

pena desagertu dela.

Tarte neurrigabeak

ULEPU CUPTA UGASA ACASA

Beti nahi nuke haiekin izan.

Patinatzen bezala

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Arraroa: strana/o

Lagunak: amici

bai: si, sia

neska: femmina, ragazza ta: e

mutilak: maschi/ragazzi

nire: mio, a me

ondoan: vicino

beti: sempre

nahi: volere, li voglio

Adiskidetasuna: l’amicizia

gauza: cosa

berezia: speciale

ederra: bello

eta: e erreala: reale

hautsi ezina: non si può spezzare

(Hautsi: spezzare, rompere

Ezina: impossibile)

Askatu: liberare

ahal naiz: mi posso

(Ahal: potere Naiz: ho, sono)

nire: mio, miei

sekretu: secreto eta: e

pasioak: passioni

azalduz: mostrando

(Azaldu: mostrare)

I A BASCU CHIP TU SUMINI ZSUP

ACUMAIACA GA – LA – LA

Mamutak: il mamut

hatzaparrak: le zanne

ditu: ha eta: e

hiletsua: peloso da: è

elurretan: nelle nevi (Elur: neve)

bizi da: vive (Bizi: vivere)

pena: pena, peccato

desagertu dela: che sia scomparso

(Desagertu: scomparire)

Tarte: distanza

neurrigabeak: immense

(Neurri: misura Gabe: senza)

ULEPU CUPTA UGASA ACASA

Beti: sempre

nahi nuke: vorrei

(Nahi: volere)

haiekin: con loro

(Haiek: loro, essi)

izan: essere, stare

Patinatzen: pattinando

bezala: come

Zentzurik gabeko gauzak – Cose senza senso

Giulio Riccobono, Nicolo Mariucci, Alessio Gualtieri, Franco D’angiolillo

Palla calcio / niente forza / Billy canta e balla / con un ninja che uccide / le persone / con una spada / Forza amicizia / Famiglia Roma / Pensare nulla / Giardino energia / Aria Porta Tempo / Il fiume sgorga nell’aldilà / Fino a finire nel gabinetto del drago / Billy balla il tango con l’orango.

Baloia Futbola

Ezer ez Indarra

Billy kantu eta dantzan

Jendea ezpatarekin

garbitzen duen Ninjarekin

Indarra Adiskidetasuna

Familia Eroma

Ezertan ez pentsa

Lorategi Energia

Aireak Denbora Ekarri

Ibaiak beste munduan

isurtzen du

herensugearen komunera

iritsi arte

Billy ta Orangoa orain

tango dantzan

DIZIONARIO/HIZTEGIA

Zentzurik gabeko: senza senso

(Zentsu: senso Gabe:senza)

gauzak: cose

Baloia: pallone

Futbola: calcio

Ezer ez: niente

(Ezer: qualcosa Ez: no)

Indarra: forza

Billy kantu: cantando, canto

eta: e

dantzan: ballando

Jendea: la gente

ezpatarekin: con la spada

garbitzen duen: che uccide

(Garbitu: uccidere / pulire)

Ninjarekin: con il Ninja

Indarra: forza

Adiskidetasuna: amicizia

Familia: famiglia

Eroma: Roma

Ezertan: a niente ez: no, non

pentsa: pensare

Lorategi: giardino

Energia: energia

Aireak: l’aria

Denbora: il tempo

Ekarri: portare, porta

Ibaiak: il fiume

beste munduan: nell’altro mondo, nell’aldilà

(Beste: altro Mundu: mondo)

isurtzen du: sgorga

herensugearen: del drago

komunera: al bagno

iritsi arte: fino ad arrivare

(Iritsi: arrivare Arte: fino a)

Billy

ta: e

Orangoa: l’orango

orain: adesso

tango: tango

dantzan: ballando